np_user_4025247_000000
GIORGIA DE CUPERTINIS
Lavoro

Silicon Valley, gli uffici si svuotano e gli arredi vanno a ruba

La spending review deglle aziende tech: all'asta i mobili di design: alcune sedie valgono fino a 10mila euro

La sede di Twitter a San Francisco, Usa (Ansa)
La sede di Twitter a San Francisco, Usa (Ansa)

San Francisco, 28 febbraio 2023 - Mentre le aziende tagliano i costi e passano allo smart working, i loro mobili per ufficio diventano protagonisti di un commercio in forte espansione. È quello che sta succedendo nella Silicon Valley, dove numerose aziende tech stanno puntando, con sempre più convinzione, al lavoro da remoto - indotto dalla pandemia Covid e del recente rallentamento economico – lasciando costose poltrone, scrivanie e moderni pezzi d’arredamento a riempirsi di polvere all’interno delle loro sedi. E pronti a essere venduti a chi offre la cifra migliore. Lo scenario, infatti, sta rapidamente cambiando. E non è del tutto in discesa. Nell’ultimo anno, nel settore tecnologico, i licenziamenti sono stati più che diffusi, mentre diverse start-up sono fallite o si ritrovano sul viale del tramonto. Altre realtà del settore, invece, hanno deciso di impugnare le cesoie, e tagliare drasticamente i costi: a partire proprio dai loro uffici polverosi e raramente utilizzati pieni di mobili di design.

Lo confermano i dati, dove a San Francisco i tassi di posti vacanti commerciali sono saliti al 28% lo scorso anno, dal 4%nel 2019, secondo la società immobiliare Cbre. Che farne, dunque, di tutti quegli oggetti – alcuni, tra l’altro, di grande valore – che occupano le sedi?

Il mese scorso, Twitter ha dato il via a un'asta pubblica per alcuni dei suoi mobili, vendendo lavagne cancellabili, tavoli da conferenza e una statua blu ritraente il suo famoso logo. Ma non solo. Tra gli elementi d’arredo più gettonati anche le sedie da scrivania Aeron, il cui valore sfiora i duemila dollari. Craigslist della Bay Area ha ben più di una di queste sedie, avvolte nella plastica all'esterno di un ripostiglio, alcune vendute anche a poche centinaia di dollari.

Nel 2019, invece, Dropbox si è trasferita nella sua sede centrale di San Francisco. E l’inventario del suo vecchio ufficio – dalle sedie ai divani fino ai tavoli futuristici e chic – ha stuzzicato la curiosità di molti appassionati. Tra questi oggetti, anche diverse sedie Polar Bear in velluto verde smeraldo, in stile Jean Royère, che costano circa diecimila dollari. Perché se arredare i propri uffici puntando su design chic e moderni sembrava essere una costante tra le aziende tech americane, la brusca frenata apre ora sempre più strade ai rivenditori: non a caso, numerose start-up, ormai fallite, hanno riempito le tasche di chi intende rimetterli sul mercato.