Borsa Italiana fa un altro passo avanti verso Euronext. L’assemblea degli azionisti della società paneuropea, che comprende i listini di Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Lisbona, Dublino e Oslo, ha dato il via libera all’acquisizione da 4,3 miliardi del gruppo che gestisce i mercati finanziari italiani con il sì del 99,99% dei voti espressi.

L’ok arriva dopo che il 3 novembre scorso i soci del London Stock Exchange Group hanno approvato la cessione della Borsa di Milano, richiesta a Londra dalla Ue come condizione per comprare Refinitiv.

In parallelo col voto dell’assemblea di Euronext, che fa entrare di fatto Piazza Affari nell’orbita della società con base a Parigi, anche se l’operazione verrà completata nella prima metà del 2021, l’ad di Borsa Italiana, Raffaele Jerusalmi, e il presidente, Andrea Sironi, hanno lasciato il consiglio di amministrazione del Lseg con effetto immediato.

"Siamo lieti della forte dimostrazione di sostegno dei nostri azionisti per la prevista acquisizione del Gruppo Borsa Italiana", ha commentato Stéphane Boujnah, ceo e presidente del board di Euronext, aggiungendo che "Non vediamo l’ora di dare il benvenuto a Cdp Equity e Intesa Sanpaolo, presto nuovi azionisti di riferimento di Euronext", ha chiuso.