Marina Caprotti, classe 1978,. è presidente esecutivo della catena Esselunga
Marina Caprotti, classe 1978,. è presidente esecutivo della catena Esselunga
"Abbiamo a cuore il futuro" è il titolo del bilancio di sostenibilità di Esselunga, pubblicato ieri, nel quale vengono illustrate le attività e i progetti sviluppati nel corso del 2020. Il Piano di Sostenibilità 2020-2025, già presentato nella precedente edizione del bilancio, viene "confermato e migliorato nonostante le difficoltà connesse alla diffusione della pandemia". Tra le iniziative...

"Abbiamo a cuore il futuro" è il titolo del bilancio di sostenibilità di Esselunga, pubblicato ieri, nel quale vengono illustrate le attività e i progetti sviluppati nel corso del 2020. Il Piano di Sostenibilità 2020-2025, già presentato nella precedente edizione del bilancio, viene "confermato e migliorato nonostante le difficoltà connesse alla diffusione della pandemia".

Tra le iniziative intraprese e descritte figurano 2,5 milioni di euro stanziati per gli ospedali, ai quali si sono aggiunti 1,2 milioni di euro grazie anche al contributo dei clienti; la "Spesa solidale" in collaborazione con la Caritas Italiana che ha permesso di donare alle famiglie in difficoltà 52.000 spese solidali per un totale di 780.000 euro in beni di prima necessità. Nei negozi è stata implementata la spesa sospesa, altra modalità di supporto alle famiglie grazie alla quale sono state donate 73 tonnellate di alimenti distribuite con la collaborazione di numerose associazioni di volontariato. Tra le altre iniziative volte a offrire ai clienti prodotti sempre più sostenibili, è stata rinnovata la linea di pasta ’Top’, per la quale viene utilizzato solo grano italiano con semola certificata, trafilatura al bronzo ed essiccazione naturale.

Gli obiettivi di lungo periodo identificati all’interno del Piano di Sostenibilità prevedono tra l’altro l’incremento del 50% della presenza di donne in ruoli chiave, la riduzione dell’impatto ambientale attraverso la ricerca di soluzioni di packaging più sostenibili, l’utilizzo di energie rinnovabili e una gestione più efficiente di eccedenze e sprechi alimentari, con la riduzione del 30% delle emissioni di gas serra. Tra gli altri obiettivi figurano il mantenimento anche per i prossimi anni dell’80% dei prodotti a marchio Esselunga prodotti in Italia. I prodotti a marchio Esselunga delle filiere di uova, latte, pollo e pesce allevato in Italia, rimarranno al 100% italiani, così come i prodotti a marchio Esselunga Naturama delle filiere della carne bovina, suina e del pesce.

red.eco.