16 mar 2022

Unicredit valuta di lasciare la Russia L’ad Orcel: "Stiamo soppesando l’impatto"

Unicredit valuta di lasciare la Russia. Dopo averne quantificato l’esposizione e i potenziali impatti sul capitale, il gruppo di Piazza Gae Aulenti non esclude che questa possa essere la strada da percorrere. Un’opzione che hanno già maturato altri come Deutsche Bank, JPMorgan e Goldman Sachs. "Dobbiamo considerare l’impatto, le conseguenze e la complessità", ha spiegato il ceo dell’istituto, Andrea Orcel a Londra. Unicredit ha 4mila dipendenti (con 70 filiali) in Russia e anche, tra la clientela, un migliaio di imprese europee che si trovano nella stessa situazione

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?