Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 lug 2019

Jesolo, selfie sorridente sotto l'epigrafe del morto. Blitz punitivo e lui lascia il paese

Il giovane pestato per aver pubblicato una foto considerata oltraggiosa per la memoria di una delle quattro vittime se ne andrà dalla città

20 lug 2019
Una foto combo tratta da vari  profili Facebook mostra da sinistra : Eleonora Frasson e Leonardo Girardi,Giovanni Mattiuzzo e Riccardo Laugeni i quattro giovani morti finendo con la loro auto in un canale a Jesolo. +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++
Giovanni Mattiuzzo, una delle 4 vittime dell'incidente di Jesolo (Ansa/Facebook)
Una foto combo tratta da vari  profili Facebook mostra da sinistra : Eleonora Frasson e Leonardo Girardi,Giovanni Mattiuzzo e Riccardo Laugeni i quattro giovani morti finendo con la loro auto in un canale a Jesolo. +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++
Giovanni Mattiuzzo, una delle 4 vittime dell'incidente di Jesolo (Ansa/Facebook)

Jesolo, 21 luglio 2019 - Ha deciso di lasciare il paese e chiudere il bar il 33enne che aveva posato sorridente sotto l'epigrafe di Giovanni Mattiuzzo,  uno dei quattro ragazzi morti nel tragico incidente della settimana scorsa a Jesolo. A riportarlo è il Gazzettino di Venezia , a cui il giovane ha detto che ha già allontanato la famiglia per il timore che potesse succedere qualcosa. Troppo pesanti le minacce, giunte da tutta Italia, per far finta di niente. 

Nelle ore che seguirono i  funerali e che dovrebbero essere dedicate al ricordo e al cordoglio, il nome di Giovanni era tornato sulle cronache locali. Tutto è cominciato quando quando un giovane ha pensato bene di scattarsi un selfie sotto l' epigrafe di Mattiuzzo : le mani appoggiate sul petto e un ghigno sorridente. La foto, pubblicata su Facebook, è stata poi rilanciata dalla sorella di Giovanni, che non ha gradito e condannato pubblicamente il gesto in un post.

La notizia diventa virale sul web e arriva alle orecchie di tre soggetti, ancora ignoti, che decidono di passare alle mani. Il 33enne viene così pestato per una sorta di regolamento di conti. Lui, contattato dai media, ha sostenuto di non essersi accorto dell'epigrafe, e di aver chiesto scusa.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?