Inps, disponibile simulazione del riscatto laurea (ImagoE)
Inps, disponibile simulazione del riscatto laurea (ImagoE)

Roma, 14 settembre 2021 - È disponibile sul sito web dell'Inps un nuovo servizio on line, utilizzabile su qualsiasi dispositivo mobile o fisso, per valutare gli effetti del riscatto della laurea ai fini pensionistici. Un nuovo mezzo per avere informazioni sulle varie tipologie di riscatto e sui possibili vantaggi fiscali e soprattutto avere una simulazione orientativa del costo del riscatto. 

Vediamo cos'è il riscatto della laurea e come funziona la piattaforma.

Sommario

Cos'è e cosa si può riscattare 

Il riscatto della laurea, valido esclusivamente per chi ha conseguito il titolo di studio, è un mezzo per valorizzare a fini pensionistici gli anni di studio.

Si possono riscattare i diplomi universitari (di durata non inferiore a due e non superiore a tre anni), diplomi di laurea (tra i quattro e i sei anni), diplomi di specializzazione (minimo due anni) conseguiti successivamente alla laurea, i dottorati di ricerca e titoli accademici introdotti dal decreto 3 novembre 1999 ovvero la laurea triennale e la laurea specialistica (corso biennale). 

Come fare la simulazione

Basterà entrare nel sito dell'Inps, tramite qualsiasi dispositivo (pc, tablet e cellulare) e seguire il percorso ''Prestazioni e servizi > Servizi > Riscatto Laurea - Simulatore''. Per la simulazione non sono necessarie credenziali: le informazioni richieste, inserite in modo anonimo dall'utente, sono solo a scopo indicativo.

Per chi è disponibile

Per il momento la simulazione è disponibile per gli utenti nella condizione di inoccupati e per coloro che rientrano interamente nel sistema di calcolo contributivo della pensione in quanto sia i periodi da riscattare sia quelli lavorativi sono successivi al 1995, ma presto ci sarà una versione che integra il calcolo anche nel caso in cui siano presenti periodi anteriori al 1996.

Come fare la domanda di riscatto 

Per inoltrare la domanda di riscatto all'Inps o approndire la propria situazione gli utenti dovranno autenticarsi all'area riservata con le proprie credenziali così che l’interazione con il servizio sarà guidata dai dati presenti negli archivi Inps (contribuzione versata, periodi lavorati, ...).