21 gen 2022

Quel Papa che la Germania non ha mai amato

La sua elezione segnò il riscatto del popolo intero dal passato nazista. Ma i tedeschi non hanno poi guardato a lui come a una guida

di Roberto Giardina L’immagine della Chiesta cattolica è così compromessa in Germania che, paradossalmente, le accuse al Papa emerito Joseph Ratzinger hanno suscitato una reazione moderata. Da anni vengono rivelati gli abusi compiuti da preti, protetti dalle gerarchie, e le presunte omissioni di Benedetto XVI quand’era vescovo di Monaco non sorprendono. Dalla fine della guerra, dal 1946 al 2014, i sacerdoti sotto accusa sono stati 1.670, ma ben pochi sono stati condannati o ridotti allo stato laicale. I quattro casi imputati a religiosi dove Ratzinger non sarebbe intervenuto con una punizione sono dunque poca cosa al confronto. Nel numero 50 dell’anno scorso, Der Spiegel aveva in copertina l’accurato reportage compiuto nella diocesi di Treviri, con il titolo "Das Schweigen der Hirten", il silenzio dei pastori. Per anni si erano insabbiate le denunce contro i preti pedofili. "Il diavolo si nasconde dietro ogni porta", ha ammesso Reinhard Marx, vescovo di Treviri fino al 2008. Se la Chiesa di Roma è in crisi, quella protestante non sta affatto bene. Dal 1990 al 2020 nove milioni di luterani sono usciti dalla chiesa, contro quattro milioni di cattolici che oggi sono in maggioranza. I cattolici sono 22,3 milioni, il 27,2 per cento, contro 20,2 milioni protestanti, il 24,5%. Ma è stata una gara in discesa. I cattolici hanno superato i luterani grazie all’immigrazione di italiani, spagnoli, portoghesi e polacchi. La gran parte dei tedeschi non crede in Dio, gli atei nella ex Ddr sono l’80 per cento. Su 16 ministri del nuovo governo, nove non hanno pronunciato la formula di giuramento: "Che Dio mi aiuti". Frau Merkel è atea, come disse in pubblico, anche se è figlia di un pastore protestante. Si esce dalla chiesa per gli scandali dei preti pedofili e per la chiusura sui temi morali, come l’aborto (ma sotto accusa fu Wojtyla più ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?