Città del Vaticano, 30 novembre 2018 - Un rassegnato ma realista cardinale Ravasi, ministro vaticano della Cultura, osservava ieri al convegno sulla dismissione dei beni ecclesiastici che bisogna rendersi conto ormai che il cattolicesimo in Occidente è minoranza. Un lento declino che significa di fatto sempre più chiese vuote. E in vendita. Tanto che papa Francesco ieri è intervenuto, sottolineando come il ricavato delle cessioni deve essere impiegato "al servizio dei poveri". Il fenomeno delle chiese in vendita è più forte all’estero in Paesi come Germania, Francia, Olanda, Svizzera e Gran Bretagna (gli anglicani dal 1969 ad oggi hanno venduto 1.600 chiese, il 10% di tutte quelle in loro possesso).

Ma ora rischia di divampare anche in Italia così da aver costretto il dicastero di Ravasi, gli organi della Cei e i superiori dei vari ordini religiosi, a correre ai ripari riunendosi in una due giorni alla Gregoriana per studiare nuove regole per evitare che sempre più edifici di culto si trasformino in pizzerie, discoteche, banche, sporting club, persino garage. Il problema è la conversione in usi profani per così dire spinti. Sulla questione il Papa ha dettato la linea: vendere le chiese si può "ma in caso di necessità devono servire al maggior bene dell’essere umano e specialmente al servizio dei poveri".

In Italia una stima esaustiva del numero totale di chiese è pressoché impossibile ma solo quelle di proprietà delle parrocchie sono 65mila e si arriva a 100mila se si considerano anche i privati, le Regioni e i Comuni. Di queste tra le 600 e le 700 sono state dismesse. A Pisa la chiesa di Sant’Eufrasia è divenuta uno spazio universitario, a Piacenza la cappella di San Lazzaro è ora un ristorante. I casi di chiese convertite in moschee sono per ora soltanto due, a Palermo e ad Agrigento, mentre a Bergamo la comunità islamica ne ha comprata una per trasformarla. Ma quello che sta succedendo in tutta Europa non può non mettere in allarme. In Olanda un terzo delle chiese ha cambiato destinazione d’uso e il più delle volte al posto del campanile si è allungata l’ombra del minareto. Nella vicina Francia, in Costa Azzurra, nei prossimi cinque anni saranno 10 le chiese che vedranno smantellare l’altare per far posto ai tappetini rivolti verso la Mecca. Mutazioni dovute anche alla generosità dei finanziamenti dei Paesi islamici.

Del resto, a preoccupare la Chiesa italiana è anche la preservazione dell’identità culturale che le chiese garantiscono. "Pensiamo alle 3mila chiese danneggiate dai terremoti degli ultimi due anni, 300 nella sola diocesi di Camerino – dice monsignor Valerio Pennasso, direttore Cei dei beni ecclesiastici –, la chiesa in alcune realtà è l’unico luogo di aggregazione". Difficile però che per salvaguardare il patrimonio ecclesiastico si percorra il modello del Pantheon dove da maggio si paga un ticket di ingresso di 2 euro (escluso che per partecipare alle messe). "Si deve valutare caso per caso – spiega Pennasso – ma la regola è di mantenere l’accesso libero".