Venerdì 14 Giugno 2024

Il cellulare di Onorato al setaccio: il mistero di foto, sms e dati cancellati prima di morire

Domani saranno eseguiti gli esami irripetibili su smartphone e pc del marito dell’eurodeputata Francesca Donato. L’ultima chiamata ricevuta, senza risposta, arrivata dal telefono di Totò Cuffaro

Palermo, 5 maggio 2024 – Dopo l’autopsia sul corpo di Angelo Onorato che non ha rilevato segni di violenza, domani si passerà al setaccio il cellulare dell’imprenditore 55enne, marito della eurodeputata Francesca Donato, trovato senza vita il 25 maggio all'interno della sua Range Rover con una fascetta stretta attorno al collo.

Angelo Onorato trovato morto sulla sua Rang Rover
Angelo Onorato trovato morto sulla sua Rang Rover

Foto cancellate, anche di recente, messaggi e dati eliminati dal telefono. E' quanto hanno scoperto, come apprende l'Adnkronos, gli investigatori che stanno indagando sulla morte di Angelo Onorato.

Domani si terranno gli esami irripetibili sul telefono cellulare di Onorato e su tutti gli altri dispositivi elettronici in suo possesso. Incrociando i dati del telefono con il gps dell'auto potrebbero emergere delle indicazioni anche sui movimenti dell'architetto prima della sua morte.

Secondo quanto risulta fino a questo momento, Onorato sarebbe arrivato in via Minutilla, una bretella dell'autostrada Palermo-Mazara del Vallo, alle 10.45. Qui si sarebbe fermato per circa 8/9 minuti, per poi riallontanarsi e ritornare dopo una decina di minuti. Questa volta per restarci sempre.

Cosa è accaduto dopo le 11.08, quando ha ricevuto l'ultima telefonata? Una chiamata ricevuta da un dipendente a cui ha risposto: "Non posso parlare, sono in compagnia".

Alle 11.15 lo ha chiamato l'ex presidente della Regione siciliana, Totò Cuffaro, per alcuni lavori da eseguire, ma l'imprenditore non ha mai risposto. Forse era già senza vita.

Gli inquirenti ipotizzano che si sia tolto volontariamente la vita stringendosi la fascetta di plastica, lunga 75 centimetri, attorno al collo. Il perché è ancora un punto interrogativo. È stato sedato? Gli è stata puntata una pistola alla tempia? Domande per ora senza risposta, in attesa degli esami del Dna sulla fascetta e dell'analisi tossicologica sul corpo dell'uomo.

Approfondisci:

Un parente di Onorato: “Mi ha detto: vado a risolvere una questione”. Il giallo della lettera all’amico avvocato

Un parente di Onorato: “Mi ha detto: vado a risolvere una questione”. Il giallo della lettera all’amico avvocato

L'unica certezza scientifica, fino ad ora, è che sul corpo di Onorato non sono emersi segni di violenza, né ferite, né graffi, o microlesioni o lesioni cosiddette “satellite”, come accade quando una persona muore soffocata. Qualcuno lo ha raggiunto sull'auto?

Gli inquirenti stanno cercando di accertare se in quegli istanti, prima della morte, qualcuno abbia raggiunto Onorato sull'auto. Anche se fino ad ora è emerso che l'architetto sia arrivato da solo e che nessuno sia salito sull'auto. Ma anche qui saranno gli esami a stabilirlo.

Il punto del ritrovamento dell'auto è un "punto cieco" cioè senza telecamere. Ce ne sono alcune ma solo a centinaia di metri di distanza. E ricostruendo i movimenti delle auto in transito è emerso finora che Onorato fosse solo. Domani si saprà di più.