Sabato 15 Giugno 2024

Natisone, i soccorsi partiti da Venezia e i cartelli di pericolo: i punti da chiarire

Perché manca l’avviso di piene improvvise. Il ministro Musumeci ha chiesto una relazione “urgente” sui soccorsi. Inchiesta (senza indagati) della procura di Udine

Premariacco, 3 giugno 2024 - I cartelli di avviso (manca quello per le piene improvvise) e la catena dei soccorsi, dopo l’allarme lanciato dai ragazzi inghiottiti dal Natisone, in Friuli Venezia Giulia.

Sono tra i punti da approfondire nell’inchiesta - senza indagati - aperta dalla procura di Udine, che vuole fare chiarezza sulla tragedia.

Ritrovati i corpi di Patrizia Cormos e Bianca Doros. Sempre disperso Cristian Casian Molnar.

Approfondisci:

Natisone, l’avvocato: “I ragazzi potevano essere salvati”. Cristian, ricerche disperate

Natisone, l’avvocato: “I ragazzi potevano essere salvati”. Cristian, ricerche disperate
Approfondisci:

Natisone, quel quarto d’ora fatale. Il sindaco: “I ragazzi dispersi non conoscevano il fiume”

Natisone, quel quarto d’ora fatale. Il sindaco: “I ragazzi dispersi non conoscevano il fiume”
Ragazzi dispersi nel fiume Natisone in Friuli, la mappa
Ragazzi dispersi nel fiume Natisone in Friuli, la mappa

La catena dei soccorsi

Mentre il ministro Nello Musumeci ha chiesto al prefetto una relazione “urgente” sui tempi dei soccorsi, una delle domande che si pongono gli stessi enti deputati agli interventi riguarda l’elicottero dei vigili del fuoco. Invece di attivare Drago, di stanza all’aeroporto Marco Polo di Venezia, sarebbe stato forse più opportuno far alzare subito in volo l’elicottero sanitario della Sores Fvg, con tecnico del Soccorso alpino a bordo, operativo da Campoformido (Udine), che dista soltanto sette minuti di volo da Premariacco? In attesa della risposta, c’è comunque una certezza: i protocolli sono stati rispettati.

I segnali di pericolo

Il sindaco di Premariacco, Michele De Sabata, ieri aveva spiegato a Qn.net che sul greto del fiume ci sono diversi cartelli: vietano l’accesso con l’auto e la balneazione; inoltre c’è l’avviso sul pericolo di annegamento. Manca invece quello sul rischio ‘piene improvvise’. Il primo cittadino aveva ricordato che “non è di competenza comunale”. “Se porta benefici, si può aggiungere”, era stato il suo ragionamento.

Natisone: il ministro Musumeci ha chiesto una relazione sui tempi dei soccorsi
Natisone: il ministro Musumeci ha chiesto una relazione sui tempi dei soccorsi

I soccorritori impegnati

Senza sosta le ricerche di Cristian. "Stiamo lavorando in più di cinquanta uomini nelle ricerche del terzo ragazzo disperso sul Natisone. Stiamo battendo tutti i fronti ma le condizioni meteo sono meno favorevoli rispetto a ieri”. Così all’Adnkronos Giorgio Basile, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Udine.