Mirandola, incendio nella sede polizia locale (Ansa)
Mirandola, incendio nella sede polizia locale (Ansa)

Modena, 21 maggio 2019 - È tragico il bilancio dell'incendio appiccato nella notte nella sede della polizia locale di Mirandola, nel Modenese. Due donne morte - un'anziana e la sua badante - due feriti gravi e 16 persone intossicate. Il rogo, di origine dolosa, è partito dal piano terra, dove si trovano gli uffici della Municipale, poi un'esplosione. Il presunto responsabile del gesto, un ragazzo di origine marocchina.

Uno dei primi a commentare i tragici eventi è stato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini. "Altro che aprire i porti, come vuole la sinistra, io lavoro per fermare e mandare tutti a casa questi delinquenti". E se l'autore del gesto "è minorenne non mi interessa, deve pagare fino in fondo per la sua bestialità. Azzerare l'immigrazione clandestina, in Italia e in Europa, è un dovere morale: a casa tutti, con la Lega si può". Ha detto il vicepremier leghista da Lecce.

I 5 Stelle esprimendo vicinanza ai familiari delle vittime lanciano la stoccatta al leader leghista. ''La nostra vicinanza alla famiglia e ai cari delle vittime del rogo di Mirandola. Ci auguriamo che quel criminale paghi quel che deve, ma ci sorprende ascoltare dal Viminale esortazioni da campagna elettorale, quando dovrebbe essere proprio il Viminale a chiarire perché quell'uomo con intenzioni omicide era libero di circolare in giro in Italia, fin arrivare ad appiccare il fuoco a degli uffici della Polizia locale. Se fosse stato già rimpatriato oggi non ci troveremmo davanti a questo problema''. Hanno affermato fonti del Movimento 5 Stelle

"Sono vicino ai familiari delle vittime. Un pensiero ai feriti e alla Polizia Municipale". Ha dichiarato via Facebook il ministro leghista per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana.

Solidarietà ai familiari delle vittime dal Partito Democratico. "Solidarietà alle famiglie e al comune colpito, ora la giustizia deve fare rapidamente il suo corso e la persona che è stata presa è giusto che paghi duramente". Ha detto Nicola Zingaretti, a margine di una iniziativa al Senato. "Il ministro dell'Interno deve garantire la sicurezza nelle città, perché quello che sta emergendo è il fallimento totale della sicurezza nelle città - ha aggiunto il segretario del Pd -. Invece di fare demagogia, Salvini risponda ai cittadini che chiedono sicurezza perché, al di là delle chiacchiere di questi giorni, nel Dl sicurezza bis non c'è una riga sulla sicurezza nelle città".

Per Forza Italia è Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata, ad esprimere vicinanza. "Un gesto feroce e da condannare con estrema fermezza, sia perché ha causato la morte di due donne innocenti e tanti feriti ed intossicati, sia perché ha voluto colpire chi garantisce la nostra sicurezza" ha affermato in una nota. "Ci stringiamo alle famiglie colpite dall'incendio di questa notte nella sede della Polizia Municipale di Mirandola e siamo certi, che qualora le accuse venissero confermate, il presunto autore sarà giudicato severamente e in caso anche mandato via dall'Italia. Riteniamo però che strumentalizzare l'accaduto e piegarlo a fini propagandistici ed elettorali, sia fuori luogo e manchi di rispetto alle vittime e alla Polizia Municipale", conclude Carfagna.