Un laboratorio di analisi
Un laboratorio di analisi

Chiavari, 29 dicembre 2016 - Non si ferma l'incubo meningite. Dopo la maestra morta a Roma (seppur per un'infezione non contagiosa), il caso confermato di Agerola (nel Napoletano) e il bambino deceduto nella notte a Firenze, un nuovo episodio viene registrato a Chiavari, in provincia di Genova. Una peruviana di 34 anni è ricoverata in rianimazione all'ospedale S.Martino del capoluogo ligure per meningite da meningococco. Le sue condizioni sono critiche. Lo rende noto la Asl. La donna si è sentita male la sera di Natale. Dopo essere stata visitata al pronto soccorso dell'ospedale di Lavagna (Genova) è stata trasferita in condizioni già critiche a Genova. Immediatamente sottoposti a profilassi antibiotica i familiari e le persone che  frequentano la casa della donna, così ridurre i rischi di contagio. Il meningoccoco è il batterio più pericoloso in questo genere di infezioni ed è trasmissibile, anche se esistono forme più contagiose. 

SCHEDE

Meningite di tipo C, come si trasmette

Meningite ed escherichia coli, le cose da sapere

INCUBO TOSCANA  - L'incubo meningite aleggia sull'Italia, ma soprattutto sulla Toscana. Con la morte del bambino fiorentino, i casi da meningococco C registrati nella Regione del centro Italia salgono a 60 dall'inizio del 2015 ad oggi: 31 nel 2015, 29 nel 2016. Nel 2015, i casi di meningite notificati sono stati complessivamente 38: 31 da meningococco C, 6 B, 1 W, 1 non noto. Nel 2016, ad oggi i casi notificati sono 38: 29 di ceppo C, 6 B, 1 W, 1 X, 1 non tipizzabile. Tra questi, non sono compresi i casi di meningite pneumococcica, patologia che non può essere messa in relazione con i casi di meningite di tipo B o C registrati negli ultimi mesi in Toscana. Nel 2015 sono decedute 7 persone: 6 che avevano contratto il ceppo C e 1 per il ceppo B. Nel 2016 sono decedute 7 persone, tutte per il ceppo C. Dall'inizio della campagna vaccinale straordinaria (fine aprile 2015) al 30 novembre 2016, sono state somministrate in totale 735.865 vaccinazioni: 198.731 nella fascia di età 11-20 anni; 333.369 nella fascia 20-45; 203.765 dai 45 anni in su. Al 30 novembre, risulta che abbia aderito il 77% dei pediatri di famiglia e l'86% dei medici di medicina generale. Per quanto riguarda i nuovi nati (che non rientrano nella campagna straordinaria di vaccinazione), a 24 mesi di età (quindi nati nel 2013) risulta una copertura del 91%.