Erano a Medjugorje, il paese di origine dei loro genitori, per le vacanze estive. Mirjana, 16 anni, studiava a Sarajevo, e Ivanka, 15enne da pochi giorni, a Mostar. Erano a passeggio, quel 24 giugno del 1981 quando Ivanka disse all’amica di aver visto una figura luminosa. "Guarda, la Gospa!", che vuol dire Madonna in lingua croata. Su due piedi l’amica non le credette ma poi insieme ad altri amici tornarono a recarsi sul Podbrdo e da allora i veggenti, divenuti nel frattempo sei (con Ivan, Jakov, Vicka e Marija), hanno continuato a riferire di queste apparizioni, oltre 50mila in quarant’anni. Nasce così la storia della ‘Lourdes’ dei Balcani, un evento sul quale il Vaticano ancora non si è espresso. Lo studio del ‘fenomenò, tra i più lunghi in termini di presunte apparizioni nella storia della Chiesa, era stato affidato ad una commissione guidata dal card. Camillo Ruini le cui conclusioni però sono filtrate solo in via non ufficiale e comunque la decisione finale spetterà al Papa.