Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 giu 2021

Kim dichiara guerra ai jeans e alle soap opera

Rischia fino alla pena di morte chi guarda le telenovelas sudcoreane o indossa pantaloni attillati. "Stop all’influenza straniera"

8 giu 2021
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»
Kim Jong Un, classe 1984, dittatore della Corea del Nord, si scaglia. contro i «comportamenti antisocialisti»

La Corea del Nord lancia una guerra a tutto campo ai jeans attillati, ai tagli di capelli "non convenzionali" e ai film stranieri, soprattutto le temutissime soap opera sudcoreane. Lo strumento è una legge varata a maggio per neutralizzare le minacce del "pensiero reazionario" che include sanzioni drastiche: pena di morte o i campi di lavoro e di rieducazione. Lo stesso Kim Jong-un ha scritto lo scorso mese una lettera alla Lega della gioventù, riportata dal Rodong Sinmun, sollecitando la repressione di "condotte sgradevoli, individualiste e anti socialiste" tra i giovani per fermare "il linguaggio straniero", le acconciature e i vestiti che ha descritto come "pericolosi", anzi "veleni" per la tenuta della società. Il paradosso infatti è che, a dispetto della ventilata chiusura totale verso l’esterno come il blocco di Internet, non è raro trovare a Pyongyang, soprattutto tra le giovani leve, persone informatissime sul calcio italiano e il campionato di Serie A o sul basket della Nba. Il leader supremo, nel suo messaggio, ha messo al bando i jeans attillati e le pratiche come il piercing ritenuti simboli dello "stile di vita capitalista", esortando a fare di più per impedire alla "cultura capitalista" di conquistare il Paese. Pochi giorni prima, i moniti di Kim erano stati anticipati dal Rodong Sinmun, la voce del Partito dei Lavoratori, che aveva espresso preoccupazione per i giovani nordcoreani che abbracciano sempre più le tendenze della moda occidentale: "Dobbiamo diffidare del minimo segno dello stile di vita capitalista e lottare per sbarazzarcene", aveva ammonito. Secondo il Daily NK, sito di news con base a Seul e specializzato sulle vicende del Nord, il campo di rieducazione sarebbe la pena comminata a tre adolescenti ‘colpevoli’ di essersi acconciati i capelli alla maniera dei gruppi sudcoreani K-pop e di avere indossato pantaloni corti sopra le caviglie. La ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?