Ivanka e Jared Kushner si sono sempre vantati di non aver preso un dollaro per il loro lavoro come consulenti alla Casa Bianca nei passati quattro anni. Secondo alcuni giornali usa però i loro guadagni, glissando su eventuali conflitti d’interesse, sarebbero stati favoriti da enormi sgravi fiscali e si aggirerebbero tra i 172 e i 640 milioni di dollari in quasi cinque anni, legati soprattutto ai profitti immobiliari che sia Jared...

Ivanka e Jared Kushner si sono sempre vantati di non aver preso un dollaro per il loro lavoro come consulenti alla Casa Bianca nei passati quattro anni. Secondo alcuni giornali usa però i loro guadagni, glissando su eventuali conflitti d’interesse, sarebbero stati favoriti da enormi sgravi fiscali e si aggirerebbero tra i 172 e i 640 milioni di dollari in quasi cinque anni, legati soprattutto ai profitti immobiliari che sia Jared che Ivanka avrebbero realizzato sia con il Trump Hotel di Washington sia con gli affitti di grandi spazi commerciali e di uffici prima della pandemia di proprietà di Kushner.

Da quando Donald Trump ha lasciato la Casa Bianca, l’intero clan con tutti i figli e i nipoti dell’ex presidente, che sta affrontando in queste ore il secondo impeachment, si è trasferito in Florida tra Palm Beach e Miami per sottrarsi alle forti antipatie che i Trump hanno accumulato nella Grande Mela dove un tempo erano invece invitatissimi nei salotti e ai gala della finanza.

Se Donald ha fatto ristrutturare a Melania i suoi appartamenti nel resort di Mar a Lago, Ivanka e Jared con i loro tre figli hanno comprato una villa in costruzione che sta per essere ultimata a Indian Creek Island, a Miami Beach, in una zona definita ’il bunker dei miliardari’. Nel frattempo abitano in un vasto appartamento in affitto che si affaccia sull’Oceano e che costa 47.000 dollari al mese, forse per rimanere vicini al cantiere e seguire i lavori nei dettagli. Le loro giornate trascorrono tra spiaggia, gelati e passeggiata col cane. Molto golf invece per Donald in attesa che il Senato emetta la sua sentenza e stabilisca con questa se avrà o meno un nuovo futuro politico.

Ma il trasloco in Florida per i Trump, sembra piuttosto un esodo collettivo dell’intera famiglia perché a New York li attendono i magistrati che vogliono verificare se hanno commesso o meno reati fiscali con le loro società o ottenuto prestiti Immeritati gonfiando smisuratamente il valore dei loro beni messi a garanzia. Per quello però ci vorrà ancora qualche settimana e un nuovo ministro della giustizia. Nel frattempo senza più lo scudo del presidente gli investigatori potrebbero muoversi in modo molto più spedito.