Intelligenza artificiale, compie un anno il software ChatGpt

ChatGpt, l'app dei record, ha scosso il settore dell'IA, ma ha anche sollevato domande su etica, lavoro, privacy e copyright. Dopo un anno di colpi di scena, Sam Altman è stato reintegrato come Ceo di OpenAI.

Intelligenza artificiale, compie un anno il software ChatGpt

Intelligenza artificiale, compie un anno il software ChatGpt

Compie un anno ChatGpt, il software che ha dato una scossa al settore dell’intelligenza artificiale accendendo la corsa all’oro tra i big della tecnologia e rendendola alla portata di tutti. L’app dei record – in soli due mesi ha raggiunto 100 milioni di utenti attivi diventando così l’applicazione con la crescita più rapida nella storia di internet – ha però ampliato domande complesse sull’etica, il lavoro, la privacy e il copyright rendendo chiaro che la regolamentazione in questo settore, è più che mai fondamentale. "Che anno è stato...", ha scritto su X Sam Altman, ceo di OpenAI l’azienda che ha creato ChatGpt, ricordando il 30 novembre del 2022. Un anno culminato a suon di colpi di scena nelle ultime due settimane: prima Altman è stato defenestrato a sorpresa e accolto in Microsoft, azienda che in OpenAI ha investito miliardi e che ora siede nel cda in qualità di osservatore; poi è stato reintegrato come Ceo di OpenAI a furor di investitori e dipendenti che in una lettera hanno minacciato licenziamenti di massa se non fosse tornato.