Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 feb 2022

Il Metaverso parlerà una lingua universale

Zuckerberg pensa a un traduttore simultaneo nel mondo virtuale. Così tutti i popoli potranno comunicare tra loro

27 feb 2022
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso
Mark Zuckerberg, 37 anni, dialoga con il suo alter ego nel Metaverso

Quella che dovrebbe fare la differenza, alla fine, è la chiave per comunicare dentro la torre di Babele. Con l’investimento su Meta, Mark Zuckerberg sta cercando la killer application dei social network. Vuole creare un mondo dove tutti comunicano nella propria lingua e capiscono quella degli altri. Sarà vera gloria? A Menlo Park ci sperano. Meta sta spingendo sull’Intelligenza Artificiale per prepararsi al Metaverso e generare mondi in 3D con la voce, abbattere le barriere linguistiche e migliorare il modo in cui le persone comunicano con gli assistenti vocali. I progetti sono stati svelati nel corso dell’evento ‘Meta Inside the Lab: Costruire il metaverso con l’AI’. "L’Intelligenza Artificiale è la chiave per il Metaverso, siamo impegnati a costruire una tecnologia aperta e responsabile, con un alto livello di privacy e rispetto dei diritti umani", ha detto in apertura Mark Zuckerberg, ceo di Meta, azienda sotto il cui cappello ci sono Facebook, Instagram, Messenger, WhatsApp e Oculus. Meta, in particolare, ha l’obiettivo di sviluppare un traduttore universale per la comunicazione orale, un sistema di AI che fornisca una traduzione istantanea da applicare a tutte le lingue. L’azienda afferma che sebbene le lingue comunemente parlate come inglese, mandarino e spagnolo siano ben gestite dagli attuali strumenti di traduzione, circa il 20% della popolazione mondiale non parla lingue coperte da questi sistemi. La sfida è implementare nuove tecniche di apprendimento automatico per superare le barriere linguistiche. "L’eliminazione delle barriere linguistiche sarebbe profonda, consentendo a miliardi di persone di accedere alle informazioni online nella loro lingua madre o preferita. È un superpotere che le persone hanno sempre sognato e l’AI ce la consegnerà", ha sottolineato il ceo di Meta. Zuckerberg ha poi parlato di un sistema di Intelligenza artificiale (AI) che consente alle persone di costruire mondi virtuali aggiungendo oggetti 3D, ambienti e suoni semplicemente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?