Venerdì 19 Luglio 2024
ENRICO SALVADORI
Cronaca

Il dolore di Marcello Lippi "Fiuto del gol e lealtà Lui è stato il calcio"

L’ex ct azzurro: ha lasciato un segno impareggiabile, ora è una leggenda "Quando l’Italia vinse i Mondiali nel 2006 arrivarono i suoi complimenti"

Migration

di Enrico Salvadori

VIAREGGIO (Lucca)

La notizia l’ha raggiunto nella sua casa di Viareggio e il sentimento è quello del grande rispetto per un personaggio che ha fatto la storia del calcio, quel calcio che anche a Marcello Lippi ha dato tanto. Il Ct dell’Italia campione del mondo del 2006 ricevette i complimenti personali di Pelé per una impresa rimasta negli annali del calcio. E nel ricordo di O Rei si fa interprete del sentimento di tutti gli italiani e di tutti gli sportivi del mondo. Lippi, del resto, non ha mai nascosto il suo enorme rispetto per il genio calcistico di Pelé, il giocatore più completo del mondo e di tutti i tempi, a parer suo.

Una notizia che purtroppo temevamo, Marcello, ma che addolora.

"Sì, questa è una notizia che mi ha colpito profondamente e che fa male – dice l’allenatore italiano –. Pelé è stato uno dei grandissimi, un punto di riferimento per noi giovani giocatori che lo abbiamo ammirato in campo e sempre evocato quando si trattava di sottolineare chi fosse il massimo. Purtroppo questa parte conclusiva dell’anno ci sta riservando bruttissime notizie e ci stanno lasciando grandi personaggi non soltanto dello sport".

Che cosa lascerà Pelé?

"Il mito di Pelé non tramonterà mai, ha lasciato un segno troppo importante. Indelebile. Sia quando giocava e abbiamo tutti negli occhi i suoi gesti tecnici, sia quando ha concluso la carraiera ed è rimasto ambasciatore del calcio. Dobbiamo sempre dire grazie a lui e gli altri grandi che hanno diffuso il calcio nel pianeta. Sono punti di riferimento imprescindibili".

Per molti Pelé è il giocatore che ha cambiato il calcio. Lei è d’accordo?

"Pelé non è stato l’uomo che ha cambiato il calcio, è stato il calcio. In lui ci sono state racchiuse tutte le caratteristiche del campione straordinario: la tecnica incredibile, il fiuto del gol, il fisico, la lealtà in campo. Un esempio in campo e fuori e una persona che ha sempre amato il suo lavoro facendosi ambasciatore del pallone in tutto il mondo. Per me il più grande in assoluto".

Il più grande tra i grandi. Lippi lo sostiene da sempre.