4 mar 2022

Guerra (ma non solo): grano alle stelle Stangata su pane, pasta e merendine

L’Italia importa il 64% del fabbisogno, il 6% viene da Russia e Ucraina. I consumatori: "Attenti a chi specula"

achille perego
Cronaca
Il lancio di un missile intercontinentale tratto da un. video fornito. dal servizio stampa del ministero della Difesa russo
Il lancio di un missile intercontinentale tratto da un. video fornito. dal servizio stampa del ministero della Difesa russo
Il lancio di un missile intercontinentale tratto da un. video fornito. dal servizio stampa del ministero della Difesa russo

di Achille Perego Non sarà solo colpa della guerra in Ucraina, ma la corsa dei prezzi di grano, frumento, mais e soia rischia di ripercuotersi nel carrello della spesa, con nuovi aumenti per il prodotto simbolo della cucina italiana, la pasta, e per pane, crackers, dolci e biscotti. Ieri alla Borsa di Chicago i contratti futures sul grano tenero, quello della farina OO, e del quale Ucraina e Russia sono tra i maggiori esportatori mondiali, con una quota del 14% del mercato, ha toccato il record storico con un più 7% a 1134 dollari a bushel (pari a 27,2 chili). I futures sul mais sono arrivati ai massimi dal 2013 a 747 dollari (+3%) e, rileva Coldiretti, il prezzo del grano è ai massimi dal 2008 con un valore di 37,5 centesimi al chilo. Qualcosa che, spiega Carmine Caputo, presidente di Mulino Caputo "in 50 anni di lavoro non ho mai visto accadere, neanche dopo la seconda guerra mondiale" con il rischio che le scorte di frumento "finiscano fra un mese o anche prima". L’Italia, sempre secondo Coldiretti, importa il 64% di grano tenero e il 53% del mais (20% ucraino) per l’alimentazione del bestiame. Il frumento ucraino, rileva l’Ismea, nel 2020 ha coperto però solo il 5% del fabbisogno e l’1% quello russo. Ancora più bassa (1%) la quota di Ucraina e Russia sui nostri approvvigionamenti di grano duro, quello che si usa per maccheroni e spaghetti da non confondere, avverte Luigi Cristiano Laurenza, segretario dei Pastai di Unione Italiana Food, con quello tenero per pane e biscotti. Se le esportazioni agroalimentare di Kiev in Italia valgono 496 milioni, la metà in olio di girasole, l’Ismea sottolinea come il problema della corsa dei prezzi del grano duro risieda in altri fattori extra guerra, come il crollo dei raccolti in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?