People on the beach while the Italian cruise liner Costa Concordia (background) is in front of Genoa's Voltri Port, Italy, 26 July 2014. The Costa Concordia dismantling operations are predicted to last two years. The cruise liner was made floating again on 14 July, 30 months after the cruise ship hit a reef and partly capsized off the island of Giglio on 13 January 2012 after being steered too close to the shore, seeing thirty-two of the 4,229 people onboard killed. ANSA/LUCA ZENNARO
People on the beach while the Italian cruise liner Costa Concordia (background) is in front of Genoa's Voltri Port, Italy, 26 July 2014. The Costa Concordia dismantling operations are predicted to last two years. The cruise liner was made floating again on 14 July, 30 months after the cruise ship hit a reef and partly capsized off the island of Giglio on 13 January 2012 after being steered too close to the shore, seeing thirty-two of the 4,229 people onboard killed. ANSA/LUCA ZENNARO

Genova, 27 luglio 2014 - "I francesi devono imparare a fidarsi un po' più di noi italiani. L'operazione Concordia è andata molto bene, avevamo preparato tutte le precauzioni. Non c'è stato alcun inquinamento". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti dal porto di Genova quando sono iniziate le manovre per l'ormeggio del relitto. Nei giorni scorsi aveva ulteriormente rassicurato i francesi: "A questo mare ci teniamo quanto voi". 

"Di fronte a quanto capitato all'isola del Giglio", ha proseguito, "una risposta non c'è. Si tratta di imperizia allo stato puro: la manovra che è stata fatta, non si poteva fare. Già il Governo del 2012 prese alcune misure di restrizione della navigazione. noi aumenteremo i controlli perché tutte le regole vengano rispettate. Oggi non è una festa", conclude, "dietro questo arrivo c'è una tragedia e 33 vittime. Non bisogna dimenticare il dramma, ma questa operazione dimostra che se ognuno fa il proprio lavoro con responsabilità si possono fare grandissime cose. L'Italia può fare grandissime cose".