10 feb 2022

Fusione nucleare, il test è riuscito Più vicina l’energia pulita del futuro

Gli scienziati europei del progetto Jet hanno acceso una piccola “stella“ per 5 secondi, battendo tutti i record

alessandro farruggia
Cronaca

di Alessandro Farruggia Un altro significativo passo in avanti verso la fusione nucleare. Una tecnologia che potenzialmente non ha i problemi di sicurezza della fissione nucleare e può garantire energia illimitata a basso costo e con emissioni bassissime. L’impianto europeo Jet (Joint european torus) l’esperimento leader a livello mondiale situato a Culham (Regno Unito), sono stati prodotti per 5 secondi 59 megajoules di energia, un livello più che doppio rispetto al procedente record di 21,7 megajoules stabilito nel 1997 sempre al Jet, il più grande e potente impianto di ricerca sulla fusione in funzione al mondo. Jet è gestito da Eurofusion, un consorzio di 30 organizzazioni di ricerca (e dietro di loro 152 entità associate tra università e aziende), da 25 Stati membri dell’Unione Europea più il Regno Unito, la Svizzera e l’Ucraina ed è finanziato dall’Unione Europea. "Questo record – commenta Alessandro Dodaro, programme manager del gruppo di ricerca italiano in ambito Eurofusion e direttore del Dipartimento Fusione di Enea – potrà convincere anche i più scettici che, condividendo competenze e risorse, il cammino che porterà alla fusione come fonte energetica si è fatto più breve". Jet ha l’obiettivo di preparare il successo del mega progetto internazionale Iter – che coinvolge Ue, Russia, Stati Uniti, Cina, Giappone e Corea del Sud – in corso di costruzione a Caradace in Francia, che dovrà dimostrare la fattibilità tecnica e scientifica dell’energia da fusione. Iter è al 75% di completamento: nel dicembre 2025 dovrebbe produrre il primo plasma (gas ionizzato) e implementarsi fino al 2035, quando si lavorerà sulla miscela deuterio-trizio, quella "definitiva", producendo teoricamente 10 volte l’energia immessa. Se i test saranno positivi si passerà allora alla costruzione di un reattore dimostrativo attorno al 2040. Altri progetti come l’americano Cfs (che ha come primo azionista Eni) contano di arrivare nel 2025 al primo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?