"Apprezziamo l’accoglimento da parte del sottosegretario Moles dell’appello trasversale, che ha visto Fd’I in prima linea, per più fondi per l’editoria, anche nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, per incentivare la transizione digitale e il ricambio generazionale. Sosteremmo la richiesta urgente di fondi nel Dl Sostegni, che sembra aver dimenticato l’editoria". Lo dichiara il capogruppo di Fd’I in commissione Editoria, Federico Mollicone.

Tra le misure sollecitate da Mollicone, "per tutelare posti di lavoro e pluralismo", si sollecitano l’introduzione del credito di imposta per la distribuzione di giornali e riviste e l’introduzione di un’agevolazione Iva per l’applicazione dell’imposta sul commercio di quotidiani e periodici in relazione al numero di copie consegnate spedite, secondo lo schema del Dl Rilancio 2020.

"È possibile inserire queste norme con i fondi già presenti – sostiene Mollicone – , spostando le risorse ora su provvedimenti sempre legati all’editoria di difficile attuazione".