Sabato 22 Giugno 2024

Foggia, muore il boss: il questore vieta i funerali pubblici

La motivazione: ragioni di ordine pubblico e sicurezza. Il precedente e la paurosa escalation di sangue della provincia

Foggia, 6 ottobre 2022 - A Foggia vietati i funerali pubblici del boss. Accade (un'altra volta) in una provincia che deve fare i conti con un'escalation da paura, 12 omicidi in 9 mesi.

Leggi anche: Racalmuto, marito e moglie abbracciati in un lago di sangue. "Fermato il figlio"

Capoterra (Cagliari): uccide la moglie e si costituisce ai carabinieri

Un decreto del questore Ferdinando Rossi questa mattina ha vietato la cerimonia pubblica dopo la morte di Federico Trisciuglio, 69 anni, ritenuto uno dei boss della cosiddetta 'Società foggiana', al vertice del clan Trisciuoglio-Tolonese. L’uomo aveva ottenuto i domiciliari a causa delle sue condizioni di salute, ma era detenuto al 41bis.

Leggi anche: Castel Volturno: ucciso a coltellate davanti alla moglie

"Perché è stato vietato il funerale pubblico"

Il funerale pubblico è stato vietato per ragioni di sicurezza. Era già capitato per Andrea Gaeta, freddato in auto ad Orta Nova il 3 settembre. Omicidio 'vendicato' pochi giorni fa, quando è stato ucciso Gerardo Lorenzo Tammaro, padre di Mirko Tammaro, reo confesso. 

Predisposto servizio

La questura ha anche predisposto un servizio di controllo per vigilare che siano rispettate le misure decise sul divieto dei funerali. La salma di Federico Trisciuglio sarà quindi portata direttamente al cimitero.

L'escalation di sangue

Il territorio del Foggiano sta assistendo a una paurosa escalation di sangue. La scia di sangue era cominciata il 12 marzo a Zapponeta quando era stato trovato il cadavere di Giuseppe Ciociola, 60enne di Manfredonia. Il 31 luglio si era arrivati addirittura un duplice delitto a Cerignola, nelle campagne la scoperta dei cadaveri di padre e figlio, Gerardo Cirillo 58enne, e Pasquale di 25 anni.

Il baby killer

Ma nella guerra innescata dalla criminalità, tra mafiosi e non, si contano anche killer poco più che bambini. Il 18 luglio a San Severo Francesco Pio D'Augelli, 17 anni, è stato ucciso da una coltellata, l'assassino non ha ancora 16 anni. Avevano litigato due giorni prima per una storia di ragazze. Dai pugni al delitto. 

I rilievi delle forze dell'ordine dopo l'uccisione di Gerardo Tammaro (Ansa)
I rilievi delle forze dell'ordine dopo l'uccisione di Gerardo Tammaro (Ansa)