1 feb 2022

Feste in lockdown, Johnson non cede "Ho sbagliato: mi farò perdonare"

Nuovo mea culpa in Parlamento. Ma il report (incompleto) lo inchioda: troppo alcol, azioni inaccettabili

deborah bonetti
Cronaca
Il premier britannico e leader del partito conservatore, Boris Johnson, 57 anni
Il premier britannico e leader del partito conservatore, Boris Johnson, 57 anni
Il premier britannico e leader del partito conservatore, Boris Johnson, 57 anni

di Deborah Bonetti "Sorry", scusatemi, vi chiedo scusa. Queste le parole ripetute dal primo ministro britannico ieri nella Camera dei comuni, dove si è recato con il capo cosparso di cenere dopo aver ricevuto il rapporto Sue Gray che, pur censurato in gran parte a causa dell’inchiesta della polizia su Partygate, l’ha accusato di "crollo di leadership e di giudizio in varie occasioni". La Gray, un’alta funzionaria statale a cui è stato dato il compito di fare chiarezza su una dozzina di festini a Downing Street avvenuti durante i vari lockdown, ha asserito: "Alcuni eventi non avrebbero dovuto essere autorizzati e altri non avrebbero dovuto svilupparsi come è avvenuto, quei comportamenti sono difficili da accettare". La Gray ha dichiarato che, per non compromettere l’indagine di Scotland Yard (su ben 8 dei 12 eventi in questione), le era stato possibile solo fare "riferimenti minimi" ai party: "Sono estremamente limitata in quello che posso rivelare riguardo a quegli eventi, quindi non mi è possibile fornire un rapporto significativo in questo momento". In attesa del rapporto intero, che Johnson potrebbe però non pubblicare, il premier ha comunque dichiarato di "accettare in pieno" le raccomandazioni della Gray e ha promesso di dare un giro di vite alla "cultura di eccessi" a Downing Street. La Gray è stata infatti lapidaria: "Sullo sfondo della pandemia, quando il governo chiedeva ai cittadini di accettare ampie restrizioni nelle loro vite, alcuni dei comportamenti durante questi raduni sono difficili da giustificare". E poi: "Alcuni dei raduni in questione rappresentano una grave mancanza nell’osservare non solo gli alti standard che ci si aspetta da coloro che lavorano ai massimi livelli di governo, ma anche gli standard a cui all’epoca era tenuto l’intero Paese". Il rapporto ha evidenziato "un consumo eccessivo di alcol", giudicato "alquanto inappropriato in qualsiasi contesto professionale". Inoltre, alcuni funzionari ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?