Una casa di riposo (foto di repertorio)
Una casa di riposo (foto di repertorio)

Biella, 4 aprile 2020 - Non è la prima grande anziana che scappa alle sgrinfie del Coronavirus, ma certo la storia di Ada Zanusso, 104 anni quasi 'miracolosi', è diventata un simbolo di speranza, in Italia e non solo. La nonnina, un cespuglio di capelli bianchissimi e un sorriso che comunica serenità, risiedeva in una Rsa del Biellese e, come altri, si è ammalata di Coronavirus. Ma dopo aver passato alcuni giorni tra la vita e la morte, l'arzilla vecchietta si è ripresa, è tornata vigile e cosciente, ed è guarita dal maledetto Covid-19. 

Ada vive a Lessona, nella Residenza per anziani "Maria Grazia", che fa capo alla Fondazione Cerino Zegna. Come tutte le Rsa, in queste settimane di epidemia anche questa residenza ha vissuto momenti drammatici: almeno venti tra i 53 ospiti sono risultati positivi al tampone e si sono ammalati. Undici di loro erano asintomatici, ma gli altri hanno avuto pesanti difficoltà respiratore, vomito e febbre alta. 

Ada Zanusso è nata nel 1916 in Veneto. Dopo essersi sposata, con il marito e con i primi due figli decise di trasferirsi in Piemonte: a quei tempi nel Biellese all'epoca era facile trovare un impiego nel settore tessile in piena espansione. Una lunga vita di lavoro, con una famiglia pesante: i figli intanto erano diventati quattro. Poi la vecchiaia, la pensione e, qualche anno fa, dopo una frattura del femore - da cui peraltro si è ripresa benissimo conservando perfettamente l'integrità mentale - Ada si è trasferita nella casa di riposo di Lessona. E ora è riuscita a sconfiggere quel nemico subdolo del Coronavirus, nonostante i suoi 104 anni. 

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19