Roma, 12 giugno 2021 - "Alla luce di tali indicazioni (del Cts, ndr) il vaccino Vaxzevria (AstraZeneca) viene somministrato solo a persone di età uguale o superiore ai 60 anni (ciclo completo)". Come aveva annunciato ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza, è stata firmata la circolare del ministero che - appunto recependo la 'raccomandazione' del Comitato tecnico scientifico - impone la somministrazione del vaccino AstrZeneca solo a chi ha 60 anni o più. La circolare - firmata dal direttore generale del ministero, Giovanni Rezza - poi specifica quello che a questo punto è obbligatorio fare per chi ha ricevuto solo la prima dose di AstraZeneca. "Per persone che hanno ricevuto la prima dose di tale vaccino e sono al di sotto dei 60 anni di età, il ciclo deve essere completato con una seconda dose di vaccino a mRNA - Comirnaty (Pfizfer) o Moderna - da somministrare ad una distanza di 8-12 settimane dalla prima dose".

Vaccini ai giovani, i dubbi degli scienziati

La Lombardia però sospende cautelativamente i richiami 'eterologhi' : "Aspettiamo nota ufficiale dell'Aifa"

Johnson & Johnson e trombosi: il parere del Cts

Covid: il bollettino del 12 giugno

Sommario

La circolare in Pdf

La circolare (che non presenta novità rispetto a quanto annunciato ieri) mette adesso fine ad un periodo di incertezza con le Regioni che andavano avanti in ordine sparso specialmente dopogli eventi avversi come quello di Camilla, la 18enne ligure morta dopo aver ricevuto la dose di AstraZeneca. Sette Regioni ad esempio avevano già sospeso gli Open Day

Chiaramente la circolare imnpone una ricalibratura del piano vaccinale. Primo problema l'esubero delle dosi di AstraZeneca come verrà gestito? Poi bisognerà vedere se il maggior impiego di Pfizer e Moderma comportarà un rallentamento della campgna.

Ema: no AstraZeneca per chi ha permeabilità capillare

Seconda dose, quanti sono

Sono circa 900mila gli italiani sotto i 60 anni che hanno fatto la prima dose di vaccino con Astrazeneca e ora dovranno effettuare il richiamo con Pfizer o Moderna.

AstraZeneca negli altri Paesi europei

Gli Open Day

Il parere del Cts entra anche nel merito degli Open Day anche qui con una raccomandazione: "Le Regioni ogniqualvolta promuovano eventi Open Day che sensibilizzano alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2, rispettino le indicazioni per fasce d'età, rendendo quanto più possibile l'approccio alla vaccinazione omogeneo sul territorio nazionale".

La Lombardia

A sorpresa però la Lombardia sospende cautelativamente i richiami col vaccino diverso. "In attesa di una nota ufficiale di Ministero della salute e di Aifa, competenti a rilasciare un parere scientifico, e allo scopo di tutelare quanto più possibile la salute dei cittadini e garantire i loro diritti, la Direzione generale Welfare ha deciso di sospendere cautelativamente i richiami eterologhi (quindi con un vaccino diverso) per tutti i cittadini under 60 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca. Per chi ha più di 60 anni nulla cambia".

Leggi anche: Variante Delta (indiana) e vaccino: gli ultimi studi