Una ragazza viene vaccinata (Ansa)
Una ragazza viene vaccinata (Ansa)

Roma, 12 giugno 2021 - Su vaccino Johnson & Johnson (vaccino a vettore virale come AstraZeneca ma monodose) arriva oggi il parere del Comitato tecnico scientifico (Cts) allegato alla circolare del ministero della Salute con la quale si impone l'uso di AstraZeneca soltanto per chi ha 60 anni o più.

Bollettino Coronavirus: contagi Covid in Italia del 12 giugno. I dati delle regioni

Sommario

Il parere del Cts in Pdf

J&J e rischio trombosi

Il Cts affronta in primo luogo il tema dei possibili effetti avversi del vaccino tenendo presente che il meccanismo (vettore virale) è lo stesso di AstraZeneca. Il Cts afferma che al momento i dati "non permettono di trarre valutazioni conclusive rispetto al rapporto beneficio/rischio". ll vaccino Janssen, rileva il Comitato tecnico scientifico, è "connotato dal vantaggio della singola somministrazione, peculiarità che può risultare di particolare beneficio in determinate categorie di popolazione". Ma "l'eventuale evidenza, nel contesto nazionale e internazionale, di fenomeni tromboembolici dopo vaccino Janssen dovrà essere oggetto di attento e costante monitoraggio attraverso le procedure di farmacosorveglianza e vaccino-vigilanza".

Per chi è raccomandato

"Il vaccino Janssen viene raccomandato, anche alla luce di quanto definito dalla Cts di Aifa, per soggetti di età superiore ai 60 anni. Qualora si determinino specifiche situazioni in cui siano evidenti le condizioni di vantaggio della singola somministrazione ed in assenza di altre opzioni, il vaccino Janssen andrebbe preferenzialmente utilizzato, previo parere del Comitato etico territorialmente competente".

Piemonte e Liguria: no agli under 60

E il Piemonte e la Liguria, alla luce appunto delle nuove raccomandazioni, hanno deciso in via precauzionale di sospendere la somministrazione alla popolazione under 60 anche del vaccino Johnson & Johnson.

Il Canada non distribuisce 300mila dosi

Intanto il Canada ha annunciato che rinuncerà alla distribuzione del lotto di 300.000 dosi del vaccino anti-Covid di Johnson e Johnson ricevuto all'inizio di quest'anno, a causa di "preoccupazioni" legate alla sua produzione in un laboratorio statunitense. Questo vaccino Janssen è stato approvato da Ottawa a marzo e le prime 300.000 dosi sono state ricevute il mese successivo, ma il Ministero della Salute ne ha immediatamente sospeso la distribuzione a causa di sospetti sulla qualità del prodotto.

Leggi anche: Variante Delta (indiana) e vaccino: gli ultimi studi. Il caso Gran Bretagna, e in Italia?