Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

È giusto chiedere i biglietti sul treno in grave ritardo?

Ho letto quanto accaduto sul treno Lecco-Milano: esasperati dall’ennesimo ritardo, alcuni viaggiatori alla richiesta di mostrare abbonamenti e biglietti si sono rivoltati contro il controllore, che  ha risposto. E sono dovute intervenire le guardie giurate per evitare che si passasse alle mani. Ora, io dico no a qualunque forma di violenza, anche verbale. Ma si deve capire lo stato d’animo dei viaggiatori […]

Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 07:28

Ho letto quanto accaduto sul treno Lecco-Milano: esasperati dall’ennesimo ritardo, alcuni viaggiatori alla richiesta di mostrare abbonamenti e biglietti si sono rivoltati contro il controllore, che  ha risposto. E sono dovute intervenire le guardie giurate per evitare che si passasse alle mani. Ora, io dico no a qualunque forma di violenza, anche verbale. Ma si deve capire lo stato d’animo dei viaggiatori che accumulano disagi ogni giorno o quasi. È il caso, allora, di chiedere biglietti su un treno in ritardo? Gianfranco, Varese 

L’amico varesino segue da anni con attenzione sia le vicende ferroviarie sia questa rubrica settimanale su Il Giorno. L’episodio a cui fa riferimento è stato ricostruito dettagliatamente dal nostro Daniele De Salvo. Si è verificato il 30 agosto sul locale 10831 che si sarebbe dovuto avviare da Lecco alla volta di Milano Porta Garibaldi alle 7.37. Il treno è partito invece solo alle 8.05 ed è  approdato a Porta Garibaldi  alle 9.09 con il ragguardevole ritardo di 31 minuti. Durante il viaggio si è verificata la movimentata scena di cui stiamo parlando. Senza entrare nel merito, possiamo
provare ad avanzare qualche modesta osservazione. Il capotreno-controllore, quando chiede che gli siano mostrati i documenti di viaggio, non compie altro che il suo dovere professionale. Tante volte, anche in “Vita da pendolare”, abbiamo raccolto le giuste rimostranze di viaggiatori che lamentavano l’assenza di controlli e il proliferare indisturbato, a volte anche sfrontato, di portoghesi a bordo. La domanda di base è però un’altra: è giusto passare per il controllo anche quando il treno arranca in serio ritardo e trasporta passeggeri stanchi e indispettiti, anche perché si trovano a vivere un disagio già  vissuto tante volte? Facile formulare la domanda, ben più arduo trovare una risposta. Da parte del capotreno, la sensibilità, la capacità di valutare una situazione e di rendersi
conto che forse non è il caso di chiedere il biglietto quando il treno viaggia penalizzato da un pesante ritardo. Da parte dei viaggiatori la riflessione che il capotreno non ha nessuna responsabilità di quel ritardo. Una informazione tempestiva fornita lungo il percorso, una spiegazione, potrebbero fare da deterrente, anche minimo, alla irritazione, al sacrosanto scontento di chi viaggia. Attenzione, però. Molta attenzione. Se il ritardo diventa regola quotidiana o quasi, se il disagio si fa sistema, la reazione dei viaggiatori può essere solo l’esasperazione progressiva e quando  l’esasperazione arriva al culmine, ecco la rabbia. La rabbia non del singolo ma quella, ben più esplosiva, della gente. Le cronache di questi ultimi  anni dovrebbero avere insegnato qualcosa, soprattutto ai responsabili delle ferrovie. gabrielemoroni51@gmail.com

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.