Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

La birra del Diavolo e la rete nel mondo. Duvel Moortgat, il futuro delle artigianali

Birra artigianale. Chiedo a Maurizio Maestrelli, uno dei massimi esperti, qual è il limite di produzione? «In Italia 200mila ettolitri.  Negli States anche milioni, non c’è». Apri una birreria artigianale per passione, cresci, poi ti servono investimenti fuori portata. E allora magari vendi, «come la brianzola Hibu al gruppo Heineken o la Birra del Borgo – continua Maurizio – Resistono quelle che hanno […]

Ultimo aggiornamento il 9 giugno 2018 alle 09:13

Birra artigianale. Chiedo a Maurizio Maestrelli, uno dei massimi esperti, qual è il limite di produzione? «In Italia 200mila ettolitri.  Negli States anche milioni, non c’è». Apri una birreria artigianale per passione, cresci, poi ti servono investimenti fuori portata. E allora magari vendi, «come la brianzola Hibu al gruppo Heineken o la Birra del Borgo – continua Maurizio – Resistono quelle che hanno un’identità forte, come il Birrificio Italiano comasco di Arioli, il Birrificio di Lambrate». O cedi la maggioranza, come il pluripremiato Birrificio del Ducato di Soragna alla belga Duvel (Diavolo) Moortgat. Con il suo mastro birraio Giovanni Campari e Maestrelli siamo andati da Duvel per capire un sostenibile e flessibile modello del futuro. L’azienda famigliare, alla
quarta generazione, è partita con Michel Moortgat da Puurs alla conquista del mondo. Modernissima, è cresciuta intorno alla fattoria dove d’inverno si faceva ottima birra per il villaggio e i  dintorni, prima di inventare  dopo la prima guerra mondiale la bruna di stile inglese (il lievito portato dalla Scozia è lo stesso di allora), molto diversa dalla tradizione trappista.

«Prima abbiamo rilevato, con mio fratello – racconta Michel – l’azienda, poi ci siamo guardati intorno. La crisi dei marchi storici ci ha offerto opportunità, ma noi cercavamo mastri birrai con cui confrontarci, affinità. Siamo arrivati a dieci birrifici, tre negli Stati Uniti, ci scambiamo tecnologia ed esperienze, ma ognuna mantiene il suo stile. Oltre a Brouwerij Duvel a Puurs, dove siamo, siamo entrati, solo nel Belgio, nella Brasserie d’Achouffe a Houffalize, quella degli gnomi, in Brouwerij De Koninck ad Anversa, Brouwerij Liefmans a Oudenaarde. In una ad Amsterdam e alla Bernard ceca, in Ducato. Li aiutiamo a crescere».

Abbiamo provato la rarissima Duvel alla spina, che scelgo con la Tripel Hop Citra. Curiose, creative e trendy le Vedett, che incarnano la passione per l’arte di Michel. Abbiamo visitato la De Konink, storico birrificio di Anversa, buona la WIld Joe e interessanti le sperimentazioni in botte. Poi siamo scesi nelle Ardenne per la Brasserie d’Achouffe, la birra degli gnomi. Ma questa è la prossima storia (cercatela sugli scaffali)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.