Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il lungo viaggio del Caffè

‘Na tazzulella, ma è cambiato il caffè. Saprete tutto dell’apertura di Starbucks a Milano, nel concept con torrefazione in Cordusio. E avrete letto soddisfazione e critiche feroci. Non che la più grande azienda del mondo abbia fatto il suo più grande investimento in Europa a Milano, con la mini catena gestita da Percassi, centinaia di assunzioni e formazione, ma l’attentato di lesa maestà […]

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 07:16

‘Na tazzulella, ma è cambiato il caffè. Saprete tutto dell’apertura di Starbucks a Milano, nel concept con torrefazione in Cordusio. E avrete letto soddisfazione e critiche feroci. Non che la più grande azienda del mondo abbia fatto il suo più grande investimento in Europa a Milano, con la mini catena gestita da Percassi, centinaia di assunzioni e formazione, ma l’attentato di lesa maestà al caffè espresso italiano. Che detto fra noi, tranne poche eccezioni, non si può bere se non per una masochistica botta acida dall’alba al tramonto. Colpa della Robusta, perché la nuda Arabica in purezza non basta. Viene dal’Etiopia ed è coltivata soprattutto in Centro merica. Nel nostro provincialismo beato crediamo ancora che il nostro caffè espresso sia il migliore del mondo. Lo era negli anni ‘50 e ‘60, ma da qualche decennio appartiene alla preistoria. Il caffè, la sua coltivazione e lavorazione, la torrefazione e le tecniche di preparazione al banco, sono una cultura veloce e affascinante che chiunque può affrontare con un corso amichevole al Taglio di via Vigevano, l’unico coffee shop milanese riconosciuto nel mondo: miscele e arabica in purezza, libri, competenza, l’università di un nuovo gusto. Starbucks ha conquistato il mercato con il suo format e la toscana Marzocco, dove hanno inventato dagli anni ‘30 tutte innovazioni delle macchine da caffè (sono stati partner fino qualche anno fa ma collaborano sempre). Starbucks ci può far scoprire il buono del nuovo, un’idea più moderna di vivere un Caffè (in fondo dei letterari 4.0), ci aiuta a fare confronti con la migliore  tradizione. Mi manca invece il profumo intenso e acido della tostatura che usciva dalle torrefazioni artigianali sulla strada, come una sferzata di gusto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.