Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Effetto social media, il dialogo diventa virtuale

Negli Usa due adolescenti su tre preferiscono dialogare con i loro amici online piuttosto che incontrarsi e parlarsi a tu per tu. Solo il 32% dei giovani che hanno partecipato a un sondaggio Common Sense Media ha affermato che il modo preferito di stabilire relazioni con gli amici consisteva nel vedersi di persona. In un’indagine […]

Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 12:39

Negli Usa due adolescenti su tre preferiscono dialogare con i loro amici online piuttosto che incontrarsi e parlarsi a tu per tu. Solo il 32% dei giovani che hanno partecipato a un sondaggio Common Sense Media ha affermato che il modo preferito di stabilire relazioni con gli amici consisteva nel vedersi di persona. In un’indagine analoga condotta dalla stessa organizzazione sei anni fa, il rapporto era 1:1, a favore dei rapporti diretti tanti quanti quelli propensi a colloqui a distanza remota, in modalità virtuale.

I social media non fanno sentire i ragazzi soli e depressi ma li distraggono dalle attività quotidiane e dalle relazioni personali. L’indagine sottolinea un’altra tendenza: il 35% dei ragazzi ammette che i messaggi sono il modo preferito di comunicare e solo il 32% preferisce parlare con le persone (era il 49% nella precedente indagine del 2012). «Questo dato suona come un campanello d’allarme. Ci chiediamo quale reale cambiamento sia in atto nel modo in cui questa generazione vuole interagire con le altre persone», sottolineano gli artefici del rapporto.

Alessandro Malpelo

QN Quotidiano Nazionale

Salute

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.