Lunedì 20 Maggio 2024

Energia, Zelensky: "Pronti ad aumentare l'export per l'Italia, fino all'8% dei consumi"

Il presidente ucraino al Forum Ambrosetti: "Il nostro Paese può diventare un green hub per l`Europa e sostituire le energie sporche della Russia"

Cernobbio (Como), 2 settembre 2022 - "L'Ucraina è pronta ad aumentare l'export di elettricità verso l'Europa, ma per questo è importante che l'impianto nucleare di Zaporizhzhia rimanga connesso alla rete ucraina". Così il presidente Volodymyr Zelensky intervendo in video al Forum Ambrosetti di Cernobbio, dove si discute anche di crisi energetica. "Il nostro export di energia potrebbe ridurre la pressione di Mosca sull'Europa e sull'Italia: nonostante tutte le difficoltà, possiamo contribuire a soddisfare almeno l'8% dei consumi di elettricità dell'Italia", ha detto ancora il leader di Kiev, sottolineando che il suo Paese "può diventare un green hub per l`Europa e sostituire le energie sporche della Russia. Abbiamo un grande potenziale per sviluppare le energie rinnovabili e l'idrogeno verde".

Il video-intervento di Zelensky al Forum Ambrosetti (Ansa)
Il video-intervento di Zelensky al Forum Ambrosetti (Ansa)

Nel ribadire l'intento di Kiev a entrare nell'Unione Europea, Zelensky si è detto "grato all'Italia e personalmente grato al primo ministro Mario Draghi per aver supportato il nostro Paese per l'ingresso nella Ue e per averci protetto dall'aggressione russa". il presidente ucraino ha detto anche grazie all'Italia "per aver dato accoglienza ai tanti rifugiati". "Non lo dimenticheremo mai", ha chiosato.

Bollette record: ecco le contromisure per risparmiare

Intanto per la settimana prossima è previsto l'intervento previsto per "consentire di avere nell'immediato energia e gas a prezzo calmierato". Varrà "uno o due miliardi", ha anticipato il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, spiegando che si tratta di "un intervento tampone" che "non è poca cosa". "Le linee principali del ministro Cingolani", ha detto ancora Garvaglia, prevedono "due decreti che vanno a favore degli energivori e dei gasivori".