Los Angeles (Stati Uniti), 20 marzo 2017 - I Cleveland Cavaliers ritrovano in un sol colpo tutti e tre i loro "big three" e pur soffrendo battono in rimonta (si sono trovati anche a -11) 125-120 i Los Angeles Lakers (di un ottimo Russell autore di 40 punti) proprio grazie a 46 punti di Irving e ai 34 - più 7 assist e 6 rimbalzi - di LeBron James che nel quarto finale hanno permesso ai campioni in carica di evitare uno scivolone che sarebbe stato abbastanza clamoroso. Senza Isaiah Thomas - tenuto a riposo precauzionale tutto il weekend dopo la botta presa contro Minnesota - i Boston Celtics sono invece caduti in quel di Philadelphia dove i 76ers sono riusciti a spuntarla nel finale grazie ad una bomba di Covington e ad un sempre ottimo Saric (23 punti).

I San Antonio Spurs hanno invece costruito con il gioco nel pitturato il loro agile successo contro i Kings (118-102): Gasol ha infatti segnato 22 punti
a cui vanno aggiunti i 18 di un ritrovato Aldridge che aiutato e non poco i suoi a portare a casa la vittoria. Sarà una notte che difficilmente dimenticherà anche Damian Lillard il quale all'American Airlines Arena di Miami ha segnato la bellezza di 49 punti - massimo stagionale sino ad ora - trascinando con un magistrale secondo tempo in cui ne ha siglati 28 (con 9 triple) i suoi Trial Blazers da un prezioso colpo esterno in casa degli Heat (115-105). Una vittoria che riavvicina poderosamente i Blazers ai playoff, dal momento che Portland ora si trova ad un solo successo di distanza dai Nuggets ottavi ad Ovest.

Anthony Davis, con 28 punti e 12 rimbalzi portati a casa, ha invece vinto il duello tra i pivot più in forma della lega contro Towns (33 punti)
ispirando il 123-109 finale con cui i Pelicans si sono sbarazzati dei Timberwolves, mentre i Raptors hanno strapazzato 116-91 i Pacers mandando tutto il quintetto in doppia cifra (DeRozan top scorer con 22 punti). Infine vincono anche Pistons (112-95 sui Suns) e Mavericks (111--104) sui Nets.

MATTEO AIROLDI