Bologna, 20 aprile 2017 - CSKA Mosca e Fenerbahce Ülker compiono un importante passo verso la conquista di un pass per le Final Four di Eurolega che si giocheranno ad Istanbul dal 19 al 21 maggio. Sia la formazione russa sia quella turca, dopo i successi di questa sera, si trovano infatti sul 2-0 nella serie e martedì hanno la possibilità di chiudere definitivamente i conti. 

Quella del CSKA è stata una vittoria decisamente sofferta perché, dopo essere volata a +17 nel terzo quarto grazie ad uno scatenato Teodosic capace di segnare 13 dei suoi 16 punti totali (a cui ha aggiunto anche 8 assist) nei primi 5 minuti della frazione, la formazione russa ha mollato gli ormeggi un po' troppo presto prestando il fianco al rientro del Baskonia che, sospinto dalle triple di Beaubois e dal dominio sotto le plance - sia a rimbalzo sia in termini di punti segnati - di Tillie e Voigtmann, è riuscito con pazienza certosina a ricucire tutto lo strappo, trovando a 14" dal termine del match la bomba del pareggio a quota 82 proprio con il francese Boubois. Nell'ultima azione della serata però sono emersi il talento e la maggior esperienza dei giocatori del CSKA: nonostante l'errore al tiro nel pitturato di Teodosic, infatti, l'ex Veroli ed Olympiacos Kyle Hines è riuscito a farsi largo tra i difensori baschi e a catturare un preziosissimo rimbalzo che gli ha consentito di tentare, con 1" ancora da giocare, l'ultimo tiro su cui ha incontrato l'opposizione fallosa dell'argentino Laprovittola il quale non ha potuto far altro che usare le maniere forti per arginare la potenza dei muscoli dell'americano che, una volta giunto sulla linea della carità, con grande freddezza ha segnato i liberi che hanno consegnato l'84-82 finale al CSKA

Successo al fotofinish anche per il Fenerbahce che per la seconda volta in due giorni, battendo 80-75 il Panathinaikos, è riuscito nella difficilissima impresa di espugnare un campo molto caldo come l'OAKA di Atene. I turchi hanno costruito gran parte del loro successo sulla grande prestazione di Bogdan Bogdanovic autore di 25 punti - dopo i 23 segnati in gara 1 - ma soprattutto principale protagonista del break di 9-0 che negli ultimi 2 minuti ha permesso agli ospiti di spezzare l'equilibrio del match per poi limitarsi a contenere il rientro del Panathinaikos - trascinato da Singleton - e chiudere ogni discorso con i liberi finali di un più che positivo Bobby Dixon (14 punti). Nelle file del Fenerbahce ottima anche la prestazione di un Ekpe Udoh come sempre molto solido sotto le plance (22 punti, 9 rimbalzi e 2 stoppate)