Milano, 6 dicembre 2017 – L’Inter arriva alla grande sfida con la Juventus senza particolari problemi. La squadra vola ed è prima in classifica, la rosa a disposizione di Spalletti è praticamente al completo senza gravi infortuni o problemi vari: ci sono tutti gli ingredienti per fare bene. Ritornerà Miranda dalla squalifica, Vecino dai suoi acciacchi fisici: per Spalletti più scelte. In realtà, appare difficile che il tecnico di Certaldo stravolga la formazione proprio in una delle partite più importanti dell’anno. Si ritornerà probabilmente all’undici tipo visto in queste prime 14 giornate, con l’unico ballottaggio tra Borja Valero e Marcelo Brozovic sulla trequarti. In difesa spazio ancora a Santon con Miranda, Skriniar e D’Ambrosio, a centrocampo il ritorno di Vecino produrrà quasi certamente lo spostamento di Borja Valero in avanti, mentre Gagliardini si prenderà l’altra maglia. Icardi, Perisic e Candreva confermati in avanti, sulla trequarti, come detto, o Brozovic o lo spagnolo. Dipenderà anche da che tipo di gara impronterà la squadra. Verranno premiati gli inserimenti offensivi del croato o la grande sapienza dello spagnolo? In secondo luogo la marcatura, perché il trequartista dell’Inter potrebbe essere chiamato ad un lavoro di schermo sul regista juventino Pjanic.

EPIC BROZO A GARA IN CORSO – La sensazione è che Marcelo Brozovic possa essere utilizzato da Luciano Spalletti per cambiare le sorti della gara. Le geometrie, l’esperienza e l’intelligenza di Borja Valero possono consentire all’Inter di non perdere lucidità in fase di possesso palla ad inizio partita, quando l’aggressività della Juve cercherà di indirizzare il match. Il croato invece può essere l’arma decisiva a partita in corso con i suoi inserimenti, la sua capacità di calciare verso la porta e la sua fisicità. Ma non saranno da sottovalutare tanti aspetti. I duelli Pjanic-Borja Valero, Gagliardini che probabilmente dovrà limitare Dybala, ma soprattutto Skriniar-Higuain, la vera grande sfida della serata. Il roccioso centrale dovrà fermare il più forte attaccante avversario. Dall’altra sponda De Sciglio-Perisic e Alex Sandro-Candreva, senza contare Chiellini (che dovrebbe rientrare) su Icardi. Insomma, grande spettacolo allo Stadium. Il derby d’Italia.