{{IMG_SX}}Roma, 19 aprile 2007 - Promuovi, diffondi e guadagna con la tua musica. 'Open your ears': è l'opportunità che offre 'jamendo', piattaforma sulla quale gli artisti sconosciuti hanno la possibilità di far conoscere la propria vena e il talento musicale.


D'altro canto, gli utenti hanno modo di scoprire e condividere album di ogni genere, dall'electro al funk, passando per indie, jazz, pop, punk e rock, fino alla techno trance e al trip hop.

Ogni membro potrà inoltre scrivere una recensione oppure aprire una discussione nel forum del sito. Infatti, ogni lavoro 'pubblicatò su jamendo può essere 'democraticamente' giudicato proprio sulla base degli articoli più o meno critici dei visitatori.

 

C'è il rischio stroncatura, ma la vera opportunità è un'altra: nel caso di una positiva scoperta musicale, ogni utente può improvvisarsi 'mecenatè e decidere di supportare un artista facendo una donazione (attraverso la rete di paypal).


Fino ad oggi, sugli oltre 3.000 album pubblicati sono state scritte più di 35.000 recensioni dagli oltre 103.000 membri attivi, ognuno dei quali può crearsi la propria playlist. Sono molti i modi di supportare un artista: oltre alla donazione e alla 'promozione sul forum', infatti, si può mettere la sua musica sul proprio blog e condividere l'album sulle reti Peer-to-Peer (con BitTorrent o eMule).


Per essere sempre aggiornati sulle novità, in home page ci sono gli album del mese e le ultime uscite. Il materiale del sito è sotto licenza Creative Commons, che permette di scaricare, remixare e condividere la musica gratuitamente e in modo del tutto libero grazia all'accordo del tipo 'alcuni diritti riservatì. Insomma, jamendo porta gli artisti in primo piano e, come promette il sito, visto che la musica è fatta dagli artisti per il pubblico, «adesso è ora di sbarazzarsi di intermediari esclusivi».