Il sito di Facebook da pc
Il sito di Facebook da pc

Un feed di notizie su Facebook modellato sui gusti e le propensioni di chi usa il social, sia per gli utenti privati che per gli inserzionisti. Dopo le pesanti critiche ricevute sulla scarsa efficacia degli strumenti per contrastare l’odio e la violenza online, la piattaforma di Zuckerberg, come annunciato sul blog ufficiale dell’azienda, ha iniziato i test per aumentare o ridurre la quantità di notizie che compaiono sul diario, dando ai diversi profili la possibilità di scegliere quali contenuti visualizzare maggiormente e quali, invece, nascondere. Novità in arrivo anche per le imprese: avranno più strumenti per selezionare il target al quale far vedere il proprio annuncio. Le nuove feature dovrebbero arrivare entro il primo trimestre del 2022.

Un feed di notizie personalizzato su Facebook
Scegliere preventivamente quali contenuti visualizzare nel proprio feed di Facebook è una possibilità che il social network già consente agli utenti. La novità sulla quale sta lavorando la piattaforma di Meta è una maggiore personalizzazione dei contenuti. Con i prossimi aggiornamenti dell’app sarà possibile scegliere di aumentare o ridurre la quantità di post visualizzati di un determinato profilo privato, di una pagina o di un gruppo e decidere di non far comparire nel proprio feed le notizie che riguardano un argomento particolare. In arrivo anche nuovi strumenti per la customizzazione della timeline. Facebook introdurrà un accesso più semplice e immediato ai tasti “Preferiti”, “Silenzia”, “non seguire più” e “riconnettiti”, fornendo agli utenti feature più personalizzabili.

Maggiori controlli anche per il feed delle aziende
Non solo utenti privati, Facebook sta introducendo la stessa possibilità di personalizzazione anche per gli inserzionisti. Le aziende potranno selezionare con più precisione a quali persone indirizzare i propri annunci, decidendo di non farli visualizzare ai profili che interagiscono con post che trattano argomenti specifici. Facebook ha scelto, per questa feature, tre macro categorie: politica, questioni sociali e criminalità e tragedia.
Il social network, spiega nel post l’azienda, svilupperà anche una soluzione per verificare se i contenuti di annuncio che compare nel feed sono in linea con le preferenze del brand.