Valentino Rossi (Ansa)
Valentino Rossi (Ansa)

Misano Adriatico, 12 settembre 2019 - Stregato da Leclerc. Valentino Rossi non sembra avere dubbi sul campioncino della Ferrari. "Un fenomeno, un pilota vero", dice il 'dottore' di Tavullia a proposito del monegasco, reduce dalla prestigiosa doppietta messa a segno a Spa e Monza, in un tripudio di bandiere col Cavallino. Leclerc in questi giorni è stato sommerso dai riconoscimenti. Paragonato ai più grandi, come Niki Lauda, Ayrton Senna oppure Gilles Villeneuve.  E, come spesso accade, è fra campioni "di razza" che ci si riconosce. Ed ecco quindi l'omaggio del numero 46, alla vigilia del weekend di Misano e del Gp di San Marino di Motogp, gara di casa per Rossi. 

L'omaggio di Valentino

A Sky MotoGP il Dottore ha detto: "Leclerc è un fenomeno, un pilota vero. Si vede dai risultati che ha ottenuto. Ha vinto GP3 e si è ripetuto nel primo anno in GP2. Poi è arrivato F.1 con l'Alfa Romeo che è un team di metà classifica ed è andato subito fortissimo. Quest'anno è approdato in Ferrari e ha già vinto due Gran Premi. Sta facendo paura. Con Lando Norris che è un mio tifoso, e Verstappen, è la generazione futura dei piloti. Quello di Monza è stato un weekend indimenticabile". Il "Dottore", infine, sul fatto che Leclerc ha disatteso le indicazioni del team Ferrari che voleva che tirasse la scia a Sebastian Vettel nel secondo tentativo del tedesco in qualifica, sorridendo, ha commentato: "Lui aveva la pole e l'altro era quarto... perché tirarlo!".

Rossi, durante l'intervista, ha elogiato anche il compagno di squadra Fabio Quartararo. "Ha un talento fuori dal comune, mi aspettavo fosse veloce ma non così - ha sottolineato - I tempi che fa nelle prove sono veramente incredibili. La concentrazione di Vale, in questi giorni, si è poi focalizzata su Misano: "Questo di Misano è il mio vero e proprio Gran premio di casa, è speciale. A Silverstone volevo lottare per il podio ma non ero abbastanza forte, ci proveremo un'altra volta questo weekend. Nei test ho avuto un buon passo, mi sento bene, sono positivo". Così Rossi nella conferenza stampa dei piloti in vista del Gp di San Marino. Il portacolori della Yamaha ha anche parlato della sua "sfilata" con la M1 per le strade della sua Tavullia: "È stato un grande momento, un sogno che avevo da quando ero un bambino - ha detto Rossi -. Conosco molto bene quella strada, andavamo sempre avanti e indietro con il nostro scooter, è divertente, con tante curve. Quindi mi son detto sarebbe bello provare la mia M1 e finalmente è stato possibile. Ho provato belle sensazioni".