Manolo Gabbiadini, 30 anni, al centro, mattatore del match con una doppietta
Manolo Gabbiadini, 30 anni, al centro, mattatore del match con una doppietta

Genoa- Sampdoria 1-3 (Primo tempo: 0-1)

Genoa (3-5-2): Sirigu 4.5; Vanheusden 5.5 (40’st Kallon sv), Masiello 5 (11’st Vasquez 6), Criscito 5; Ghiglione 5.5, Sturaro 6, Badelj 5.5, Ternani 5 (27’st Portanova 6), Cambiaso 6; Ekuban 5 (11’st Destro 6.5), Pandev 6. Allenatore: Shevchenko 5.

Sampdoria (4-4-2): Audero 6; Bereszynski 6.5 (23’st Dragusin 6), Yoshida 6, Colley 6, Augello 6.5; Candreva 7 (48’st Askildsen sv), Ekdal 6, Adrien Silva 6.5, Thorsby 6 (31’st Chabot 6); Caputo 7.5, Gabbiadini 8 (23’st Verre 6). Allenatore: D’Aversa 7.

Arbitro: Doveri di Roma 6.

Reti: 7’pt Gabbiadini; 3’st Caputo, 22’st Gabbiadini, 33’st Destro.

Note: ammoniti Thorsby, Ghiglione, Sturaro, Chabot.

 

Nella settimana più difficile, segnata dall’arresto del presidente Massimo Ferrero, la Sampdoria domina il derby e ritrova la vittoria battendo 3-1 un Genoa che solo nel finale, dopo l’ingresso di Destro, ha saputo portare qualche pericolo alla porta di Audero. Mattatore della gara Gabbiadini che ha segnato una doppietta, inframmezzata dal gol di Caputo, superando Mancini nella lista dei migliori marcatori blucerchiati nelle stracittadine.

Il Genoa di Shevechenko ha lottato, ha trovato il suo primo gol con Destro nella ripresa e ne ha sfiorati due con Vanheusden e Vasquez, ma trova la terza sconfitta di fila. E la classifica è sempre più critica.