Mercoledì 19 Giugno 2024

Orari F1 Jeddah 2023: dove vedere in tv oggi il Gp di Arabia Saudita

La Red Bull di Perez in pole position. La Ferrari di Leclerc parte dodiceima. Verstappen in ottava fila dopo la rottura dell'albero di trasmissione nelle qualifiche

La Aston Marin di Fernando Alonso

La Aston Marin di Fernando Alonso

Jeddah (Arabia Saudita), 19 marzo 2023 - Sergio Perez partirà in pole position nella griglia di partenza del Gp di Arabia Saudita di Formula 1, in programma oggi alle 18 sul circuito di Jeddah. Il pilota della Red Bull ha preceduto nelle qualifiche il ferrarista Charles Leclerc che, a causa della penalizzazione inflittagli per il cambio di un componente del motore della sua Ferrari SF-23, partirà però in dodicesima posizione. Ancora più indietro rispetto alla prima guida della Ferrari ci sarà Max Verstappen. Il campione in carica è stato abbandonato dalla sua Red Bull nel corso del Q2: problema all'albero di trasmissione e fine delle qualifiche. Verstappen scatterà addirittura dalla ottava fila, in quindicesima posizione. Nella griglia di partenza, in prima fila accanto a Perez ci sarà Fernando Alonso. A seguire George Russell e l'altra Ferrari di Carlos Sainz.

Profondo Rosso: il blog di Leo Turrini

La griglia di partenza

Questa la griglia di partenza del Gp dell'Arabia Saudita di Formula 1.

Prima fila Sergio Perez (Red Bull) Fernando Alonso (Aston Martin)

Seconda fila George Russell (Mercedes) Carlos Sainz (Ferrari)

Terza fila Lance Stroll (Aston Martin) Esteban Ocon (Alpine)

Quarta fila Lewis Hamilton (Mercedes) Oscar Piastri (McLaren)

Quinta fila Pierre Gasly (Alpine) Nico Hulkenberg (Haas)

Sesta fila Guanyu Zhou (Alfa Romeo) Charles Leclerc (Ferrari)*

Settima fila Kevin Magnussen (Haas) Valtteri Bottas (Red Bull)

Ottava fila Max Verstappen (Red Bull) Yuki Tsunoda (AlphaTauri)

Nona fila Alexander Albon (Williams) Nyck de Vries (AlphaTauri)

Decima fila Lando Norris (McLaren) Logan Sargeant (Williams)

* Leclerc penalizzato di 10 posizioni per il cambio della centralina

------

Rincorsa Leclerc, missione possibile - di Leo Turrini

Mettiamola così. I Bibitari non sono samurai invincibili. Verstappen ha rotto il semiasse durante le qualifiche e dunque oggi affronterà il Gran Premio della Arabia Saudita scattando dalla quindicesima posizione. Ciò premesso, in pole ci sta comunque una Red Bull. Quella del Sancho Panza messicano.

Perez bis. Anche un anno fa a Gedda il più veloce nelle qualifiche era stato Sergio Perez. Si vede che la pista degli sceicchi si addice al seconda pilota Bibitaro, che ovviamente è il grande favorito per la gara.

Leclerc su. Il pronostico spetta al messicano anche in ragione delle sfortune assortite che stanno accompagnando l’avvio stagionale del Principe di Monaco. Leclerc ieri ha guidato benissimo e ha posizionato la Ferrari in seconda posizione. Ma la sostituzione della centralina retrocede Carletto in sesta fila. Davanti a Verstappen, ma troppo indietro per coltivare progetti di gloria. "Sono contento della mia prestazione – ha detto Charles –. Ma anche con Verstappen fermo la Red Bull ha confermato di stare su un altro pianeta".

Sainz giù. Ha deluso invece e parecchio Carlos Sainz. Lo spagnolo non ha mai trovato il ritmo, è stato decisamente più lento di Leclerc e nemmeno è la prima volta che succede. Oggi l’iberico partirà dalla seconda fila grazie alla penalizzazione del compagno, ma da lui ci aspetta di più. "Non posso puntare alla vittoria – ha spiegato Carlos –. La Red Bull ha un passo irresistibile. Correrò per conquistare un posto sul podio". Amen.

Alonso record. Alla fine della fiera, l’alternativa più credibile al monopolio Bibitaro ha la faccia rugosa di Fernando Alonso.

Con Leclerc retrocesso, la Aston Martin torna in prima fila dopo mille Gran Premi! Il due volte campione del mondo però fa professione di realismo: "È bellissimo stare là davanti, ma battere la Red Bull in gara salvo altre rotture francamente non è immaginabile".

In tv. Il Gran Premio della Arabia Saudita scatta oggi alle 18. Diretta Sky. Buona domenica.