Pazzini segna dal dischetto il 2-1 alla Juve (Ansa)
Pazzini segna dal dischetto il 2-1 alla Juve (Ansa)

Verona, 8 febbraio 2020 - L'Hellas Verona firma la clamorosa impresa, stendendo la Juventus per 2-1 e per giunta in rimonta. I gol tutti nella ripresa. A quello di Cristiano Ronaldo, a segno per la decima partita consecutiva in campionato (nuovo record nella storia bianconera), rispondono nel giro di dieci minuti Borini e Pazzini su rigore. Per la Vecchia Signora si tratta del secondo passo falso di fila in trasferta, che potrebbe permettere all'Inter l'aggancio al primo posto. 

Verona-Juventus 2-1, rivivi la diretta

Serie A, i risultati di oggi

INIZIO SPRINT DEL VERONA - Maurizio Sarri sceglie Higuain e non Dybala in avanti, confermando invece Rabiot a centrocampo e Douglas Costa nel tridente offensivo. Dall'altra parte invece Ivan Juric può contare nuovamente su Amrabat dopo la squalifica e opta per Borini in attacco. Alla terza gara in sei giorni ci si aspetterebbe un Hellas con meno benzina nel proprio motore rispetto alla Juventus e invece l'avvio dei gialloblù è impressionante. Nei primi 30-35 minuti, i piemontesi sono costretti sulla difensiva dall'aggressività dei padroni di casa, che tengono un ritmo impressionante. Al 10' serve un gran intervento di Szczesny per dire di no a Faraoni, poi sul seguente calcio d'angolo il tiro al volo di Pessina non trova alcuna deviazione sotto porta. 

CI PROVA RONALDO - La Vecchia Signora è in palese difficoltà, ma le basta un attimo per accendersi: è quello che avviene al 18', quando la ripartenza di Douglas Costa spezza per via centrale il Verona, ma sul sinistro del brasiliano Silvestri si salva anche grazie all'aiuto della traversa. Due minuti dopo i gialloblù sbloccano il risultato con il colpo di testa di Kumbulla, ma la rete viene annullata per la posizione di fuorigioco del difensore albanese (questione di millimetri). Scampato il pericolo, Madama comincia a crescere, affidandosi naturalmente a Ronaldo, che nel finale di frazione si scatena. Al 35' il suo destro a giro termina la propria corsa contro il palo, con Silvestri apparentemente battuto. Prima dell'intervallo, il portoghese ha altre due chances, ma non inquadra per poco lo specchio. 

CR7, POI LA RIMONTA GIALLOBLU' - La ripresa si apre con meno emozioni, ma con un equilibrio che non ne vuole sapere di spezzarsi. E così Sarri decide di lanciare Dybala e, sarà un caso, la Juve poco dopo piazza lo spunto giusto. Il grande merito è di Ronaldo, ma ad iniziare l'azione, poi proseguita e finalizzata al 65' dal portoghese, è proprio la Joya. Applausi però anche per Bentancur che lancia un sontuoso CR7, che non lascia scampo a Silvestri. Hellas scoraggiato? Nemmeno per sogno e al 75' il pressing dei locali costringe all'errore prima Bentancur e poi Pjanic. Ad approfittarne è Borini, che da posizione defilata fredda un incolpevole Szczesny. I campioni d'Italia sono in confusione e pagano dazio all'85', quando l'arbitro Massa fischia rigore per un tocco di braccio di Bonucci. Dagli undici metri si presenta Pazzini che non sbaglia. Il Bentegodi è una bolgia e dopo sei minuti di recupero l'Hellas può festeggiare il capolavoro compiuto. 

Serie A live, risultati e classifica

Tabellino

Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Gunter, Kumbulla; Faraoni, Amrabat, Miguel Veloso (13' st Verre), Lazovic (35' st Dimarco); Pessina, Zaccagni (24' st Pazzini); Borini. In panchina: Berardi, Radunovic, Eysseric, Stepinski, Di Carmine, Bocchetti, Dawidowicz, Empereur, Adjapong. Allenatore: Juric. 

Juventus (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, de Ligt, Bonucci, Alex Sandro; Bentancur (37' st De Sciglio), Pjanic, Rabiot; Douglas Costa (27' st Ramsey), Higuain (14' st Dybala), Cristiano Ronaldo. In panchina: Pinsoglio, Buffon, Matuidi, Rugani, Olivieri, Coccolo. (ITALPRESS). Allenatore: Sarri.

Arbitro: Massa di Imperia. 

Reti: 20' st Cristiano Ronaldo, 31' st Borini, 41' st Pazzini (rig). Note: serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Alex Sandro, Lazovic, Pessina, Dybala, Bonucci. Angoli: 3-5. Recupero: 1' pt, 6' st.