Simone Verdi e il portiere dello Spezia  Ivan Provedel (Ansa)
Simone Verdi e il portiere dello Spezia Ivan Provedel (Ansa)

Torino, 16 gennaio 2021 - Il Torino ospita allo Stadio Olimpico Grande Torino lo Spezia, per l'anticipo del sabato della 18esima giornata di Serie A. I liguri iniziano male, subendo al minuto 8 l'espulsione di Vignali, autore di un brutto intervento falloso su Murru. I granata non riescono a sfruttare al meglio la superiorità numerica, tanto da rischiare persino di perdere il match sulle iniziative in contropiede degli avversari. La partita si chiude sullo 0-0: gli uomini di Giampaolo restano terzultimi in classifica a 13 punti, quelli di Italiano strappano un punto prezioso e salgono a 18.

Torino-Spezia 0-0, rivivi la diretta

Serie A, dirette e risultati in tempo reale

Serie A, la classifica

Primo tempo

Giampaolo sceglie il 3-5-2. Esordio per Segre a centrocampo, Belotti-Verdi il tandem offensivo. Italiano si affida al 4-3-3 con Farias, Gyasi e Piccoli in attacco. Lo Spezia rimane in dieci uomini dopo soli 8 minuti. Vignali effettua un intevrento in scivolata pericoloso e in netto ritardo su Murru. L'arbitro viene richiamato al VAR ed estrae il cartellino rosso. Nonostante l'inferiorità numerica, la prima conclusione del match è proprio dei liguri. Pobega ci prova dalla distanza con un mancino largo di un paio di metri rispetto al palo alla sinistra di Sirigu. Il Torino fa un giro palla lento e sterile, che non crea alcun problema agli ospiti, i quali rimangono ben piazzati a protezione della propria area di rigre. Al minuto 34 è addirittura lo Spezia ad avere due chiare opportunità da gol: Gyasi approfitta del pressing offensivo per calciare di sinistro, il portiere respinge ed è costretto a ripetersi sul tentativo di tap-in di Piccoli.

Secondo tempo

Il match segue lo stesso ritmo blando della prima frazione di gioco: il Torino torna in campo con maggiore convinzione ma poche idee, lo Spezia amministra la situazione di inferiorità numerica. I granata continuano a giocare male e perdono un pallone sanguinoso sulla trequarti. Pobega innesca Marchizza, che entra in area e spara sopra la traversa una chance gigantesca che sarebbe valsa il vantaggio. I padroni di casa alzano il baricentro e il ritmo negli ultimi dieci minuti, colpendo anche un palo al 90' con Ansaldi.

Tabellino

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo (1' st Zaza), Bremer, Buongiorno (1' st Lyanco); Singo, Lukic, Segre, Linetty, Murru (27' st Ansaldi); Verdi (31' st Gojak), Belotti- (18 Ujkani, 25 Rosati, 32 Milinkovic-Savic, 8 Baselli, 13 Rodriguez, 20 Edera, 33 Nkoulou). All.: Giampaolo. 

Spezia (4-3-3): Provedel; Vignali, Terzi, Chabot, Marchizza (36' st Ramos); Maggiore (42' st Erlic), Agoume, Pobega (42' st Deiola); Gyasi, Piccoli (42' st Galabinov), Farias (20' pt Estevez). (12 Krapikas, 23 Saponara, 31 Verde, 34 Ismajli, 39 Dell'Orco, 80 Agudelo, 88 Sena). All.: Italiano. 

Arbitro: Fabbri di Ravenna. 

Angoli: 6-2 per il Torino. Recupero: 2' e 4'. Espulso: Vignali per gioco falloso. Ammoniti: Pobega, Buongiorno, Lyanco, Marchizza, Gyasi, Linetty per gioco falloso, dalla panchina Verde per comportamento non regolamentare. 

Leggi anche: Lazio-Roma 3-0, i biancocelesti dominano il derby