Poca continuità per Abraham, non segna da oltre un mese
Poca continuità per Abraham, non segna da oltre un mese

Roma, 29 ottobre 2021- Tammy Abraham è il volto nuovo della Roma targata Mourinho, il grande protagonista di questa stagione che si è rimessa sui giusti binari dopo la vittoria di Cagliari, eppure a mancare tanto a questa squadra sono i suoi gol. L'apporto dell'attaccante inglese fin qui non è stato massiccio: la continuità non è il punto forte di questa nuova avventura, anche se è riuscito comunque a guadagnarsi il grande affetto dei tifosi e la fiducia incondizionata dell'allenatore.

Il calo dopo l'avvio

L'inizio di stagione di Abraham è stato pienamente soddisfacente, tanto da non fargli soffrire l'apporto in un nuovo campionato che spesso ha messo in difficoltà i talenti provenienti dall'estero. Nelle prime cinque partite di campionato ha portato a casa due assist e i gol contro Salernitana e Udinese, un bottino niente male per un classe '97 abituato soltanto ai ritmi della Premier League. Da subito è stato centrale nel progetto della Roma scalzando Shomurodov e rilegandolo al ruolo di riserva, ma dopo il 23 settembre si perde traccia del suo nome nel tabellino dei marcatori. L'ultimo gol in Serie A dell'inglese infatti risale a più di un mese fa, un digiuno troppo lungo dal quale deve uscire al più presto.

Tanti pali e pochi gol

In generale, considerando anche la Conference League, Abraham ha segnato 4 gol in 14 presenze, uno score che di certo non si addice al centravanti di una squadra che punta al grande ritorno in Champions League. Da un mese poi il campionato non regala nessuna gioia nonostante partite con avversari abbordabili come Empoli e Cagliari che sarebbero potute diventare vittime eccellenti per rimettersi in pari. Mourinho continua ad affidarsi a lui nonostante i pochi gol, ma un fattore curioso riguarda i pali: Abraham infatti è il giocatore ad aver trovato più legni in tutta l'Europa (3), un dato da non sottovalutare. Sotto la porta non ha ancora la gelida precisione del cecchino e potrebbe servirgli tempo per sbloccarsi definitivamente e regalare finalmente alla Roma l'apporto che tutti stanno aspettando.

Leggi anche - Serie A, le probabili formazioni dell'11a giornata