Scamacca
Scamacca

Celje (Slovenia), 24 marzo 2021 - Esordio a dir poco sfortunato per la Nazionale azzurra alla fase finale degli Europei Under 21. Finisce 1-1 il match contro la Repubblica Ceca, al termine del quale la selezione guidata da Paolo Nicolato può mangiarsi le mani per due punti gettati al vento. In vantaggio nel primo tempo con Scamacca, l'Italia si fa male da sola nella ripresa. Prima l'autogol di Maggiore, poi il rosso diretto a Tonali. Ma nonostante l'inferiorità numerica, sarebbero i nostri a meritare. La rete del nuovo sorpasso però non arriva e prima del triplice fischio Nicolato perde pure Marchizza, cacciato per doppia ammonizione, che al pari di Tonali dovrà saltare il match di sabato sera con la Spagna, vittoriosa al debutto per 3-0 sui padroni di casa della Slovenia.

Il match

Nicolato sceglie il 3-5-2 con Scamacca e Cutrone in avanti. Il copione della gara è chiaro fin da subito: l'Italia gestisce il possesso, mentre gli avversari si affidano alle ripartenze e ai calci piazzati per provare a impensierire gli avversari. Come al 9', quando Krejci su una punizione fa la torre per Lingr, che costringe Carnesecchi al mezzo miracolo. Decisamente meno impegnativa la parata dell'estremo difensore azzurro al 12' sulla conclusione del solito Lingr. Tre minuti più tardi è invece Scamacca a scaldare i guantoni di Jedlicka. Al 30' l'Italia passa: Frattesi recupera palla, serve Cutrone che disegna un assist al bacio per Scamacca, bravo a freddare il portiere ceco. Il vantaggio galvanizza gli Azzurrini, che al 38' collezionano un'altra chance, stavolta firmata da Cutrone. 

Nella ripresa i ragazzi di Nicolato abbassano i ritmi, ma riescono comunque a rendersi pericolosi. Maggiore al 50' conclude fuori non di molto, mentre è clamorosa la palla gol che capita a Scamacca al 59', quando l'attaccante del Genoa non riesce a inquadrare la porta da centro area. Stesso discorso, seppur da posizione più defilata, per quanto riguarda il tiro di Zappa al 71'. E così al 75' ecco la beffa: Maggiore alza di testa una punizione di Karabec, che assume una traiettoria imparabile per Carnesecchi. Tutto da rifare per l'Italia, che impegna Jedlicka prima con Tonali e poi con Gabbia. All'83' però la Nazionale resta in 10 per via dell'espulsione diretta di Tonali. Eppure il finale di gara è tutto di marca azzurra: su Maggiore è decisivo Jedlicka, mentre Scamacca sfiora il bersaglio grosso con un destro a giro. L'ultima chance è di Sala, che al volo per poco non si inventa la rete del 2-1. Oltre al danno, anche la beffa, visto che in chiusura di gara deve lasciare il campo pure Marchizza per somma di ammonizione. 

Il commento di Nicolato

Lapalissiana l’analisi del ct Nicolato: "Vincere sarebbe stato meglio, ma sarebbe stata peggio una sconfitta. Nel secondo tempo si poteva fare qualcosa di più, ma molti dei ragazzi non hanno il ritmo partita. Anche in dieci abbiamo creato molto, siamo stati un pizzico sfortunati”. E con la Spagna l’Italia dovrà anche fare a meno degli squalificati Tonali e Marchizza: “I due cartellini rossi non ci fanno piacere, ma li accettiamo”.

Tabellino

REPUBBLICA CECA (3-4-1-2): Jedlicka; Vitik, Chalus, L. Krejci; Holik (4'st Granecny), Bucha, Sadilek, Sulc; Karabec (33'st Drchal); Lingr, Sasinka (44'st Janosek). In panchina: Kovar, Trmal, Plechaty, Havelka, Kohut, Zitny, Fukala, Ostrak, Vanicek. Allenatore: K. Krejci. 

ITALIA (3-5-2): Carnesecchi; Del Prato, Gabbia, Marchizza; Zappa (27'st Bellanova), Frattesi (21'st Rovella), Tonali, Maggiore (44'st Pobega sv), Sala 6; Scamacca 7, Cutrone 7 (27'st Raspadori 6.5). In panchina: Plizzari, Cerofolini, Frabotta, Lovato, Ranieri, Pirola, Colombo. Allenatore: Nicolato. 

ARBITRO: Dennis Higler (Olanda). 

RETI: 31'pt Scamacca; 30'st Maggiore (A). NOTE: serata serena, terreno in buone condizioni. Espulsi: al 39'st Tonali per gioco scorretto, al 49'st Marchizza per doppia ammonizione. Ammoniti: Vitik, Zappa, Bucha, Del Prato, Janosek. Angoli: 7-3 per l'Italia. Recupero: 0'; 4'. 

Leggi anche: Italia-Irlanda del Nord, probabili formazioni e dove vederla