Messias ha parlato per la prima volta in conferenza stampa
Messias ha parlato per la prima volta in conferenza stampa

Milano, 3 settembre 2021- Anche l'ultimo arrivato in casa Milan si è presentato ufficialmente ai nuovi tifosi: nel corso della sua conferenza stampa Junior Messias ha parlato dei tanti sacrifici fatti prima di approdare nel grande calcio e del sogno di giocare la Champions League. L'attaccante è pronto per esordire in rossonero e coronare finalmente un percorso cominciato quattro anni fa in una squadra di dilettanti.

Una strada lunga

"Arrivare a Milanello e trovare subito giocatori e un allenatore importante sono emozioni che non si dimenticano, essere al Milan è il massimo della vita". Così ha esordito Messias, felice di trovarsi finalmente a Milano. Il suo percorso non è stato dei più facili, ma adesso si trova finalmente in uno dei club più prestigiosi della Serie A: "Per rendere il massimo non bastano talento e lavoro presi singolarmente, bisogna metterli insieme. I miei sacrifici sono stati ripagati, ma il passato ormai è alle spalle, guardo avanti. La notte della trattativa non ho dormito, poi alle 2.30 è arrivata la notizia ed ero felicissimo. C’era anche un interesse del Monza, ma quando si tratta del Milan è tutto diverso".

Idee chiare per il campo

Anche per quanto riguarda la sua posizione in campo, Messias ha le idee molto chiare: "Ho già parlato con Pioli, mi metto a disposizione per giocare dove vuole lui. Sono nato esterno d’attacco ma posso giocare anche sotto punta. Nelle amichevoli ho ammirato una squadra convinta e aggressiva. Non vedo l’ora di scendere in campo, ci aspettano subito tre sfide difficili ma queste gare così importanti ti caricano particolarmente. Il mio modo di giocare è fantasia, nel calcio serve perché la gente vuole qualcosa anche oltre la tattica. Spero di portarlo a San Siro". Messias poi ha avuto molti riferimenti rossoneri nel corso della sua vita: "Dida, Cafu, Serginho, Kakà, ma anche giocatori italiani come Gattuso e Maldini, oppure Shevchenko. Oggi i sogni per me sono scudetto e Champions".

Leggi anche - Mario Mandzukic si ritira a 35 anni