Roberto Mancini (Ansa)
Roberto Mancini (Ansa)

Roma, 12 novembre 2021 - È un Roberto Mancini amareggiato quello che si è presentato dinnanzi ai microfoni della Rai al termine di Italia-Svizzera. Gli Azzurri hanno pareggiato per 1-1 la sfida con gli elvetici, con Jorginho che ha fallito un calcio di rigore al 90' che avrebbe regalato agli Azzurri una quasi certa qualificazione diretta ai Mondiali. Ora la situazione si complica, nonostante i Campioni d'Europa - a pari punti proprio con la Svizzera in testa al girone - abbiano un minimo vantaggio nella differenza reti. Decisiva sarà l'ultima giornata, nella quale l'Italia sfiderà l'Irlanda del Nord con l'unico obiettivo dei tre punti.

Italia-Svizzera, le pagelle: Belotti spento, l'energia confusa di Chiesa

Mancini: "Ci è mancato solo il gol"

Roberto Mancini ha commentato così a caldo la prestazione della sua squadra: "Nel secondo tempo ci è mancato solamente il gol. Li abbiamo tenuti lì in difesa, non abbiamo subìto nulla ma non è bastato". Determinante per l'esito della partita il calcio di rigore calciato in curva da Jorginho al 90': "Lui è uno dei rigoristi - afferma il CT - e se ha deciso di tirarlo significa che se la sentiva ed è giusto così. Purtroppo ne ha fallito uno all'andata e uno al ritorno, sono cose che capitano".

Le chance di strappare la qualificazione diretta ai Mondiali di Qatar 2022 restano comunque intatte, con gli Azzurri che hanno ancora il destino tra le proprie mani: "Arriviamo con un vantaggio nella differenza reti che non è poco. Contro l'Irlanda del Nord dovremo segnare tutti i gol che non abbiamo fatto stasera. Rimango estremamente fiducioso". In chiusura, il Commissario Tecnico ha voluto salutare Giampiero Galeazzi, scomparso quest'oggi all'età di 75 anni: "Mi dispiace tanto, è stato un grande giornalista e un grande amico".

Leggi anche: Barcellona, è ufficiale: torna Dani Alves