Lunedì 17 Giugno 2024
FRANCESCO BOCCHINI
Calcio

Italia-Inghilterra, qualificazioni Euro 2024: probabili formazioni, orario e dove vederla

Comincia la rincorsa della Nazionale di Mancini al pass per la Germania. A Napoli subito un avversario tostissimo per gli azzurri

L'Italia prepara la sfida contro l'Inghilterra

L'Italia prepara la sfida contro l'Inghilterra

Napoli, 22 marzo 2023 - Ci siamo, l'Italia è pronta per l'esordio nelle qualificazioni per i prossimi Europei, che si disputeranno nell'estate del 2024 in Germania. Come primo avversario, gli azzurri affronteranno quell'Inghilterra sconfitta nell'ultima finale della competizione continentale disputata a Wembley e decisa ai calci di rigore. A ospitare il match, in programma giovedì 23 marzo con calcio d'inizio alle 20.45, sarà lo stadio Maradona di Napoli. L'impianto partenopeo torna così ad accogliere la Nazionale a distanza di 10 anni dall'ultima volta (era il 15 ottobre 2013 e l'incontro con l'Armenia terminò con il punteggio di 2-2). Fondamentale per la selezione di Roberto Mancini cominciare con il piede giusto il percorso che dovrà portarla in Germania per tentare l'assalto alla riconferma del titolo vinto nel 2021. 

I precedenti

Oltre al precedente già citato della finale dello scorso Europeo, Italia e Inghilterra si sono sfidate altre 28 volte fra amichevoli e impegni ufficiali. L'ultima gara risale al 23 settembre scorso, quando Donnarumma e compagni hanno avuto la meglio in Nations League per 1-0 grazie alla rete messa a segno da Giacomo Raspadori. In generale sono 12 i successi azzurri contro gli otto dei nostri avversari, che non ci battono dal test match dell'agosto del 2012. Sono invece otto i pareggi, ossia il risultato maggiormente ricorrente nelle 10 partite più recenti. Le due nazionali non si sono mai incrociate a livello di qualificazioni europee. 

Le probabili formazioni

Per quanto concerne l'undici di Mancini, Donnarumma dovrebbero essere difeso dal quartetto composto da Di Lorenzo, Toloi, Acerbi e Spinazzola, anche se non è da escludere la titolarità di Romagnoli. Nessuno punto interrogativo a centrocampo, mentre in attacco il dubbio è quello riguardante la punta centrale: affidarsi a Scamacca o scommettere immediatamente su Retegui? Al momento, pare più probabile la prima ipotesi. Dall'altra parte toccherà al tridente Saka-Kane-Foden provare a far male alla retroguardia italiana. Out nelle file dei Tre Leoni Mount e Rashford. 

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Toloi, Acerbi, Spinazzola; Barella, Jorginho, Verratti; Pellegrini, Scamacca, Berardi. All. Mancini. Inghilterra (4-3-3): Pickford; Walker, Maguire, Stones, Shaw; Bellingham, Rice, Henderson; Saka, Kane, Foden. All. Southgate.

L’elenco dei convocati

Portieri: Marco Carnesecchi (Cremonese), Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Wladimiro Falcone (Lecce), Alex Meret (Napoli); Difensori: Francesco Acerbi (Inter), Leonardo Bonucci (Juventus), Alessandro Buongiorno (Torino), Matteo Darmian (Inter), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Emerson Palmieri (West Ham), Alessio Romagnoli (Lazio), Giorgio Scalvini (Atalanta), Leonardo Spinazzola (Roma), Rafael Toloi (Atalanta); Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Bryan Cristante (Roma), Davide Frattesi (Sassuolo), Jorginho (Arsenal), Lorenzo Pellegrini (Roma), Matteo Pessina (Monza), Sandro Tonali (Milan), Marco Verratti (Paris Saint Germain); Attaccanti: Domenico Berardi (Sassuolo), Wilfried Gnonto (Leeds United), Vincenzo Grifo (Friburgo), Simone Pafundi (Udinese), Matteo Politano (Napoli), Mateo Retegui (Club Atletico Tigre), Gianluca Scamacca (West Ham United).

Dove vedere l'incontro 

A trasmettere in esclusiva la partita fra Italia e Inghilterra sarà la Rai, che manderà in onda la sfida - commentata da Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro - su Rai Uno. Sarà possibile seguire la gara anche in modalità streaming attraverso il sito o l'applicazione di Rai Play. 

Lo spettacolo pre match 

In uno stadio che sarà gremito di tifosi azzurri, prima del calcio d’inizio sarà realizzato uno spettacolo mai visto finora in uno stadio di calcio, ideato per la Figc dal Gruppo Alphaomega in collaborazione con Canaid e con il light designer Pietro Toppi: una innovativa tecnologia trasformerà la pista di atletica del ‘Maradona’ in un vero e proprio led carpet sul quale verranno proposti contenuti multimediali, insieme a proiezioni laser sul campo e video che scorrono sul maxischermo, accompagnati dalle note uniche e originali del brand theme delle nazionali italiane di calcio, ‘Azzurri’, composto e prodotto da Enrico Giaretta e Maurizio D’Aniello. Uno show, quello compreso tra le 20.30 e le 20.38, che punta a rafforzare l’identità, la passione e l’entusiasmo dei fan azzurri, aumentando la partecipazione attiva di quelli allo stadio e coinvolgendo anche i sostenitori che seguiranno da casa la Nazionale, sia attraverso le immagini in diretta che attraverso i contenuti che verranno poi condivisi sulle piattaforme social. Un’altra sorpresa arriverà al momento dell’esecuzione degli inni nazionali: quello italiano verrà cantato da Gigi D’Alessio, con la partecipazione di Clementino, mentre quello inglese ‘God save the King’ da Ellynora.

La nuova mascotte 

In una serata di prime ufficiali, farà il suo debutto in campo nel prepartita anche Oscar, la mascotte della Nazionale. Il cucciolo di pastore maremmano-abruzzese, nato da un progetto grafico del maestro Carlo Rambaldi, sarà per la prima volta dal vivo in mezzo ai tifosi della Tribuna Family, per saluti e foto di rito. La creatura di Rambaldi indossa la maglia azzurra e accompagnerà le sfide casalinghe della squadra di Mancini. Il suo nome, Oscar, è un omaggio al suo ideatore scomparso nel 2012, che negli appunti allegati al bozzetto della mascotte, descriveva la sua immagine come "un cane dotato di grande coraggio, di capacità di decisione, tipicamente italiano e la sua storia è intimamente legata alla storia millenaria della nostra terra e delle sue genti, adatto a rappresentare lo sport più bello del mondo, le passioni che suscita e l’italianità". "Chiamandola così – afferma il presidente Gravina, commentando la scelta del nome – abbiamo voluto rendere onore ad un genio della creatività italiana come Rambaldi, questa mascotte è il suo quarto oscar, dopo i tre vinti per la sua maestria in ambito cinematografico. Come d’altronde merita un oscar anche la maglia Azzurra, straordinario simbolo dell’eccellenza del made in Italy nel mondo”.

Il girone dell'Italia

Nelle gare valide per le qualificazioni a Euro 2024 (in programma da marzo a novembre), l'Italia affronterà quindi l'Inghilterra, incrociata di recente nella fase a gironi della Nations League. Non ci sarà però solo la Nazionale dei Tre Leoni a rappresentare un grosso ostacolo sulla strada verso la Germania. Già, perché nel raggruppamento C sono state inserite pure la Macedonia, incubo degli azzurri dopo il ko a Palermo nel playoff mondiale, e l'Ucraina. Avversarie certamente da rispettare, mentre Malta appare la classica cenerentola. Quest'ultima sarà, dopo l'Inghilterra, la prossima avversaria di Donnarumma e compagni nel match fissato in calendario per il 26 marzo.

Leggi anche: Le parole di Mancini e come funzionano le qualificazioni europee