Juan Musso
Juan Musso

Milano, 20 maggio 2021 – L’Inter chiuderà il suo campionato contro l’Udinese, con l’obiettivo di festeggiare lo Scudetto davanti ai tifosi, ammessi in mille, di proseguire la striscia di vittorie consecutive in casa e di battere almeno una volta tutte e 19 le squadre di Serie A. All’andata fu zero a zero e proprio Juan Musso, portiere argentino dell’Udinese, dovrà provare a fermare il connazionale Lautaro Martinez. Non solo, l’estremo difensore è anche corteggiato dai nerazzurri per il futuro della porta.

Mi piacerebbe ritrovare Lautaro

Juan Musso e Lautaro Martinez sono stati compagni al Racing di Avellaneda, squadra amica dell’Inter anche grazie all’aggancio di Diego Milito, il quale però ha lasciato a fine 2020. Musso al centro del mercato, e l’Inter non è da meno, ma il portiere non vuole distrazioni pur lanciando qualche timido messaggio ai naviganti: “Mi piacerebbe ritrovare Lautaro? L’Inter gioca in una grande squadra, ha una storia incredibile… le sue parole a Goal – Però voglio restare tranquillo per non impazzire dietro ai rumors, non voglio perdere il sonno”. Ma l’Inter può essere un’attrazione? Sentite la risposta: “Il sogno è giocare la Champions, perché lì ci sono grandi club. Sarei felice se arrivasse una offerta favorevole sia per me che per l’Udinese”. L’affare per l’Inter sarebbe oneroso, ma prima del mercato in entrata Suning deve chiudere la partita prestito ponte.

Prestito con in pegno il 68% di quote

 

Prosegue infatti la trattativa per il prestito garantito da Oaktree, fondo Usa con cui la famiglia Zhang ha trovato un accordo. L’investimento sarà veicolato tramite la lussemburghese Great Horizon e servirà per coprire i costi di gestione del club. Si parla di circa 260 milioni di euro che Suning dovrà poi restituire, con un tasso di interesse non elevatissimo, entro tre anni. In pegno ci sono le quote del club, circa il 68%, che passerebbero in mano a Oaktree se Suning non rispettasse l’impegno. Ad oggi pare confermata l’intenzione di non intaccare il 30% di quote in mano a Lion Rock. Di fatto Oaktree risulterebbe solo finanziatore e non socio dell’Inter.

Leggi anche - Roma, idea Giroud per l'attacco