Beppe Marotta (Ansa)
Beppe Marotta (Ansa)

Milano, 23 luglio 2020 - L’Inter ha perso ieri sera il secondo posto e concederà alla Juve di chiudere il discorso Scudetto con una vittoria a Udine, ma è tempo già di pensare al futuro nonostante ad agosto per i nerazzurri si presenterà l’occasione di andare a caccia dell’Europa League. E forse sarà dopo quell’appuntamento che la dirigenza programmerà con maggior concretezza il futuro, con un mercato, in entrata e in uscita, che dovrà portare la squadra a colmare l’ultimo gap con il vertice.

COLMARE IL GAP - Sul tavolo dell’amministratore delegato Beppe Marotta ci sono diverse pratiche da sbrigare, si parte dalla possibile conferma di Alexis Sanchez, passando per la trattativa per il rinnovo di Lautaro Martinez e concludendo con la suggestione Federico Chiesa, ma quest’ultimo fascicolo rischia di essere riposto nuovamente nel cassetto. Marotta ha illustrato i piani dell’Inter a Sky: “Affronteremo una nuova stagione con la certezza di giocare la Champions League, siamo orgogliosi si aver centrato l’obiettivo. Ora dovremo alzare nuovamente l’asticella per colmare il gap con il vertice”, la convinzione di Marotta che sa di avere in panchina un allenatore che non ci sta ad arrivare secondo.

RINNOVO LAUTARO - La situazione più delicata è chiaramente quella relativa a Lautaro Martinez, corteggiato dal Barcellona, che però non ha voluto pagare la clausola, e su cui si susseguiranno voci e rumors probabilmente fino alla fine del mercato. Almeno che l’Inter non zittisca tutti e firmi il rinnovo con l’attaccante argentino: “Lavoreremo ai rinnovi di diversi giocatori, soprattutto quelli più giovani – ha ammesso Marotta – Tra questi c’è anche Lautaro con cui abbiamo un rapporto di fiducia. Lui è contento di essere all’Inter e noi lo siamo di lui, faremo tutto con serenità al momento opportuno”. Un momento propizio sarà dopo l’Europa League che l’Inter vedrà affrontare il Getafe, il discorso vale anche per Alexis Sanchez: “Ci sono dei contatti in corso con lo United per capire se potremo prolungare la sua permanenza dopo lo spareggio col Getafe”. Per quanto riguarda il mercato in entrata, i tifosi interisti potrebbero dover abbandonare il sogno Federico Chiesa, Marotta sembra chiudere la porta allo sbarco del figlio d’arte a Milano: “Oggi è un giocatore della Fiorentina e forse lo sarà anche l’anno prossimo – ha chiosato Marotta – Certamente non ci sono state negoziazioni e la sua permanenza a Firenze dipenderà da loro, rispettiamo la società e riconosciamo i meriti al giocatore”.