Stefano Sensi deve abbandonare il sogno europeo
Stefano Sensi deve abbandonare il sogno europeo

Roma - Fuori Stefano Sensi, dentro Matteo Pessina. A pochi giorni dal debutto agli Europei, la Nazionale effettua l’unico cambio disponibile, annunciato dallo scorso fine settimana. L’interista esce dall’elenco dei 26 convocati, a causa dello stiramento agli adduttori che lo ha bloccato da venerdì, e al suo posto semaforo verde per l’atalantino. Questo pomeriggio la Uefa da Nyon, dopo aver visionato i referti medici di Sensi inviati dalla Federazione Italiana, ha ratificato la sostituzione.

Avanti quindi con Pessina, tagliato inizialmente dal ct Roberto Mancini, la settimana scorsa, ma trattenuto nel ritiro azzurro proprio a causa delle precarie condizioni fisiche di Sensi, per valutarne il possibile recupero o la necessità di fermarsi. 

Epilogo triste per il centrocampista dell'Inter, costretto ad arrendersi all'ennesimo guaio fisico della stagione. Ora Pessina ha una grande occasione da sfruttare, ormai quasi insperata: il 24enne centrocampista monzese dell’Atalanta ha esordito con l’Italia a Firenze contro l’Estonia, ha poi giocato da titolare contro l’Irlanda e la settimana scorsa ha segnato due reti, le sue prime in azzurro, nel test amichevole contro San Marino finoito 7-0.

Pessina è reduce da una stagione da titolare con l’Atalanta, dopo aver scalzato da trequartista il Papu Gomez: ha collezionato 28 presenze e 2 reti in campionato e sette presenze in Champions League.